Petition Closed
7,375
Supporters

E' importante, perché la caccia non può essere considerata uno sport o una attività ricreativa; e' importante perché i Governi non devono lucrare sull'uccisione di vite. E' importante, perché la caccia crea seri danni all'ecosistema, provoca decine di morti ogni ogni anno per incidenti e causa la morte di cani e gatti per incidente e con i bocconi avvelenati che i cacciatori diffondono per l'uccisione dei "nocivi". La caccia e' un'attività amorale, pericolosa e dannosa. La maggior parte degli italiani sono contrari alla pratica venatoria ed aspettano da molti anni un referendum che possa abolirla in via definitiva.

Letter to
Ministero delle politiche agricole ed ambientali Parlamento Italiano
Abolizione della caccia
Egregio Ministro, questa petizione e' volta a cancellare una pratica violenta ed anacronistica dal nostro Paese; i cacciatori sono "autorizzati" a transitare armati e con le loro mute di cani anche su terreni privati e molte volte, gli incidenti che li coinvolgono, provocano il ferimento (se non l'uccisione) di cittadini ignari che si trovano nei paraggi delle loro battute. Inoltre, il piombo contenuto nelle cartucce resta nell'ambiente con il rischio concreto di inquinare i terreni e la crudele abitudine di gettare bocconi avvelenati per eliminare le povere volpi, rappresenta un intollerabile pericolo anche per i cani ed i gatti. Le specie cacciabili, sono in buona parte, specie a rischio (uccelli di passo o migratori) ed e' una vergogna consentire il loro sterminio ogni anno. In alcune regioni, si vuole autorizzare la caccia in tana e ai cuccioli e si tollera l'installazione di trappole... Noi crediamo che perpetrare questo massacro sia indegno di un Paese civile e moderno e per le ragioni di cui sopra, Le veniamo a sottoporre la nostra petizione popolare nella speranza che la volontà della maggioranza dei cittadini sia ascoltata e rispettata. La tutela dell'ambiente e della salute pubblica deve essere una priorità del Vostro Ministero. Ringraziando per la disponibilità, porgiamo distinti saluti. Novella Donato.