Fuori i mercanti dal Tempio

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.


Santità,

le scriviamo alla luce delle evidenze rilevate da un servizio giornalistico firmato da Gaetano Pecoraro (Le Iene) in merito all’ennesimo caso di abusi sessuali interni alla Chiesa Cattolica.

Come il servizio chiarisce, all’interno del Preseminario San Pio X (che si trova a poche decine di metri dal suo appartamento) per svariati anni, sotto la compiacenza dei sacerdoti e vescovi responsabili, l’allora seminarista Gabriele Martinelli per diversi anni ha abusato continuamente di alcuni suoi confratelli.

Ad indignarci, oltre al fatto abberrante in se, sono i retroscena che il giornalista Percoraro ha acclarato:

- Il Card. Comastri (Suo diretto Vicario) e il vescovo Coletti, venuti a conoscenza della gravità del fatto hanno deciso di coprire l’abuso;

- Gabriele Martinelli è stato ordinato sacerdote e gli è stato affidato un centro giovanile.

Sappiamo quanto Lei, Santità, si stia adoperando per ripulire la Chiesa dalla mondanità, dall’ipocrisia e dalla falsità (fatti che avevano indotto il suo predecessore ad andarsene).

Lei, coraggiosamente, ha istituito la scomunica per i mafiosi; Lei ha dichiarato imperdonabili gli abusi sessuali condotti dal Clero; Lei ha condotto in prima persona battaglie per riportare la Chiesa alla povertà e alla credibilità; Lei, in altre parole, ha deciso di togliere la polvere da sotto il tappeto perché la Chiesa possa tornare all’essenzialità.

Le chiediamo di usare lo stesso coraggio che finora ha contraddistinto il suo Pontificato per far si che questo ennesimo caso di abusi non rimanga impunito: sarebbe come dare una “licenza di abuso” a quella parte di Clero “marcia” che lei dice di voler combattere (sappiamo che la Chiesa non è tutta così, e questo è un motivo in più per combattere chi ne mina la credibilità).

È chiaro: Comastri e Coletti hanno coperto un abustore, lasciandolo libero di perpetrare abusi per anni e anni.

Nel Vangelo, Cristo usa parole gravi (forse le più tremende) contro chi compie abusi sui bambini e giovani.

Ci disturba molto pensare che proprio Comastri e Coletti, ministri della Chiesa, possano al tempo stesso coprire un abusatore e celebrare l’Eucarestia: ci confonde, ci indigna, ci imbarazza.

Le chiediamo di agire con serietà per dimostrare a quelle migliaia di persone (soprattutto giovani) che credono in Dio e in Lui cercano risposte che la Chiesa, nonostante tutto, è in grado di agire con giustizia.

Per il Card. Comastri e per il Vecovo Coletti chiediamo la SOSPENSIONE A DIVINIS (come previsto dal Codice di Diritto Canonico).

Lo faccia subito, lo faccia in fretta: ne va della Sua credibilità.

Grazie.



Oggi: Filippo conta su di te

Filippo Cantoni ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Papa Francesco: Fuori i mercanti dal Tempio". Unisciti con Filippo ed 77 sostenitori più oggi.