Una casa per nonna Peppina, non si può morire di Stato

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


Nessuna cittadina, nessun cittadino può e deve morire a causa dello Stato. Nessuna e nessuno, a prescindere dalla condizione, dall'età e dal censo. Ma tanto meno può essere costretta a morire "di Stato", e cioè a causa della rigida e fredda applicazione di norme giuridiche, una nonnina di 95 anni, Giuseppina Fattori, per tutti noi Peppina  che dopo aver visto distrutta la sua casa da un sisma spaventoso, da poche ore è costretta da una sentenza pronunciata, "in nome del popolo italiano", da un Tribunale della Repubblica, a lasciare l'alloggio nel quale aveva trovato riparo. Un immobile realizzato in difformità dalle leggi dello Stato da altri, non da nonna Peppina. Costruito in violazione di regole nelle quali ci riconosciamo perchè son quelle della nostra comune convivenza, regole, purtroppo, disattese in tutto il paese anche a causa della inerzia delle istituzioni pubbliche, e dei sindaci, che sarebbero chiamati a vigilare sul loro rispetto e una parte dei quali, invece, ha spesso preferito, non controllando e non sanzionando, lucrare consenso e scambio elettorale.

Non ce la prendiamo con i giudici, che sono chiamati ad applicare la legge e che, pertanto, meritano rispetto, anche quando. come in questo caso  assistiamo ad una decisione che suscita molte riserve.

Ma con questa petizione, chiediamo, In nome del popolo italiano, che Peppina continui a disporre di un alloggio decoroso per i giorni, speriamo tanti ancora, che le rimangono da vivere. Chiediamo che le istituzioni intervengano e che lo facciano subito: con un'ordinanza, se necessario con una legge.

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Paolo Gentiloni ed il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, questo secondo garante dell'Unità nazionale e di una Costituzione che, all'articolo 3, riconosce il diritto di tutti i cittadini a condizioni di vita dignitose, intervengano. Li abbiamo ascoltati il 4 scorso ad Assisi, pronunciare entrambi, nei luoghi di Francesco, Patrono d'Italia e dei poveri, parole impegnative. Si tratta ora di onorare quegli impegni ed è questo che chiediamo loro.



Oggi: Piero conta su di te

Piero Gurrieri ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Paolo Gentiloni: Una casa per nonna Propina, non si può morire di Stato". Unisciti con Piero ed 503 sostenitori più oggi.