STOP AI LAUTI CACHET DEI CONDUTTORI TELEVISIVI

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.


In un momento di crisi economica così profonda  che attraversa il nostro paese,  accendere la TV e  dovere vedere una serie di personaggi che, a seguito della conduzione di programmi, dai contenuti banali e molto semplici, percepiscono dei cache faraonici, dei lauti emolumenti,  non solo fa riflettere, ma soprattutto indignare.

Domenica scorsa, 15 ottobre 2017 è stato l’apice: non bastano in prima serata Fazio e la Littizzetto, che annoiano la serata, ma nel pomeriggio,  hanno dato il via anche alla "somministrazione"  delle sorelle Parodi.

Risultato: il fuggi-fuggi di noi utenti, che paghiamo il canone Rai ( per giunta nella fatturazione di un altro servizio, cosa mai vista… !) a fronte di cachet assolutamente ingiustificati.

Il servizio pubblico televisivo, deve essere appunto un servizio pubblico di informazione, aggiornamento, educazione; deve essere equilibrato, misurato, serio, imparziale, nel rispetto di tutti, minori compresi.

 L’utenza ha il diritto di potere essere informata in maniera intellettualmente onesta, di non dovere subire “l’apoltronaggio” di taluni personaggi legati a logiche partitiche,  amici, sorelle, mogli di…e di godere di un pluralismo di informazione, degno di un paese democratico.

Chiediamo quindi, ciò che è un nostro diritto di cittadini:

1)   revisione, anche  attraverso l’intervento della Corte dei Conti, di tutti budget destinati alle televisioni statali;

2)   il tipo di  qualità dei programmi che si vanno a mettere in onda

3)   decisi tagli ai cachet e adeguamento al reale raggiungimento di obiettivi prefissati dall’Azienda, per il ritorno economico, di personaggi,  conduttori, ospiti, ecc.

4)   un maggiore rispetto per l’utenza per le trasmissioni messe in onda ( educazione, garbo, classe…queste sconosciute) nonché trasparenza per gli emolumenti percepiti, che devono essere pubblici.

Compresi quelli erogati dagli sponsor.

5)   canone fatturato in maniera autonoma e non in commistione con un’altra fattura.

6)   esenzione del pagamento dello stesso per le famiglie in difficoltà

Credo che  ci sia dovuto del rispetto, ma soprattutto che i nostri diritti di cittadini e utenti, siano ascoltati.

Grazie

Elisabetta



Oggi: Elisabetta conta su di te

Elisabetta Mura ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Paolo Gentiloni: STOP AI LAUTI CACHET DEI CONDUTTORI TELEVISIVI". Unisciti con Elisabetta ed 30 sostenitori più oggi.