#NOPEDAGGIAUTOSTRADALI

#NOPEDAGGIAUTOSTRADALI

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.
Più firme aiuteranno questa petizione a ottenere una risposta da parte del decisore. Aiuta a portare questa petizione a 500 firme!
Antonello di Guglielmo ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Enrico Giovannini (Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti) e a

Chiediamo di ABOLIRE i pedaggi AUTOSTRADALI,  come in gran parte delle altre Nazioni, o al massimo introdurre  un ticket dal prezzo fisso valido per un determinato periodo di tempo, la cosiddetta ‘vignetta’, in quanto costituiscono solo un arricchimento per le CONCESSIONARIE PRIVATE a discapito della sicurezza dei fruitori.

https://quifinanza.it/finanza/concessioni-autostradali-interviene-corte-conti/338359/

#NOPEDAGGIAUTOSTRADALI

Tra  le più care d’Europa, le autostrade italiane con il loro complesso e costoso sistema di pedaggi, caselli, riscossioni e concessioni determina costi elevati per gli automobilisti che, in media, per percorrere circa 400 chilometri (diciamo più o meno la distanza che c’è tra Milano e Arezzo) spendono grossomodo 40 euro.

Tra rallentamenti, restrizioni di carreggiate, crolli di pezzi di volta in galleria, manto stradale con asfalto normale (non DRENANTE) in condizioni non ottimali non può neanche definirsi AUTOSTRADA.

Non solo: in Italia i periodici aumenti dei pedaggi sono del 2,75%, più o meno il doppio dell’inflazione annua e percorrere i 7000 chilometri della nostra rete autostradale è sempre più costoso arricchendo le tasche delle 26 concessionarie private cui lo Stato ha appaltato la rete autostradale e mettendo sempre più in difficicoltà le famiglie italiane.

Nonostante le tragedie autostradali dovute a mancanza di manutenzione da parte dei concessionari, in Italia si parla di possibile aumento dei pedaggi autostradali, dove il pedaggio si calcola ‘a consumo’, cioè in base al numero dei km effettivamente percorsi, mentre in altre nazioni europee le autostrade sono Gratis e spesso decisamente migliori della nostra.!

GERMANIA GRATIS.La famosa authobahn tedesca è conosciuta in tutto il mondo sia per la manica larga sui limiti di velocità che per l’assenza di pedaggi autostradali (limitatamente ad auto e moto). Qualche anno fa, però, il governo federale ha annunciato di voler introdurre un pedaggio per le autostrade ma in Germania restano gratis per tutti. Almeno per il momento.

L’autostrada NON SI PAGA in altre nazioni del nord Europa come BELGIO, OLANDA, LUSSEMBURGO e nella maggior parte dei paesi scandinavi: DANIMARCA, SVEZIA, FINLANDIA e la lontana ISLANDA, che in verità neppure dispone di una rete autostradale.
Fa eccezione il ponte di Øresundbrücke che collega Svezia e Danimarca, il cui attraversamento prevede un costo. E fa eccezione anche la NORVEGIA, che a differenza delle ‘sorelle’ scandinave adotta il sistema del pedaggio autostradale.

Autostrada GRATIS, invece, nei tre paesi baltici (ESTONIA, LETTONIA, LITUANIA; quest’ultima però prevede un’eccezione per i veicoli con almeno 9 posti) e in UCRAINA, RUSSIA, ARMENIA, GEORGIA, KOSOVO, MONTENEGRO (tranne il tunnel E80 Podgorica / Bar), ALBANIA e CIPRO.

Nel REGNO UNITO di Gran Bretagna e IRLANDA del NORD l’uso della rete autostradale è generalmente gratuito, fatta eccezione per alcuni tratti.

VIGNETTA
In altre nazioni, invece, l’autostrada si paga diversamente: acquistando un ticket dal prezzo fisso valido per un determinato periodo di tempo, la cosiddetta ‘vignetta’ autostradale. Si tratta di una modalità molto utilizzata soprattutto nei Paesi del centro e dell’est Europa.

In SVIZZERA, per esempio, costa 40 franchi (35 euro circa) e consente di circolare sulle autostrade della Confederazione per 14 mesi. In AUSTRIA, invece, si possono comprare vignette valide 10 giorni, per due mesi o per un anno. Altri Stati che usano la vignetta sono SLOVENIA, REPUBBLICA CECA, SLOVACCHIA, UNGHERIA (sul 70% della rete autostradale, il resto è gratis), ROMANIA e BULGARIA.

Gli abbonamenti: Slovenia, Svizzera e Austria
Altro sistema di riscossione è quello basato sull’abbonamento annuale. Che si percorrano le autostrade svizzere una volta o mille si pagheranno sempre 38 euro di abbonamento annuale. In Slovenia, invece, per un anno di libera circolazione sulla rete autostradale di euro se ne dovranno sborsare 110. In Austria, invece, la somma scende a 87,40 euro.

 

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.
Più firme aiuteranno questa petizione a ottenere una risposta da parte del decisore. Aiuta a portare questa petizione a 500 firme!