Conferenza, Unione e Impegno Internazionali per risolvere il Riscaldamento Globale

Conferenza, Unione e Impegno Internazionali per risolvere il Riscaldamento Globale

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 100 firme!
Gaia Caravagna ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a ONU

Le minacce sul riscaldamento globale che da anni, decenni conosciamo si fanno sempre più reali, attuali e difficili del previsto. Ma la cosa più preoccupante è la disunione che il mondo dimostra, la convinzione che un disastro ambientale in un qualsiasi punto del mondo non tocchi anche chi vive dalla parte opposta. L'esempio di questo comportamento a livello locale, passa a noi cittadini attraverso le figure decisionali che ci governano e alle decisioni che prendono a livello globale. 

Chiediamo, dunque, ai rappresentanti delle Nazioni Unite e alle figure più influenti del destino di questo pianeta, di unirsi, consultarsi e impegnarsi tutti insieme, sul serio, per la prima vera volta davanti a un disastro che non aspetterà noi per manifestarsi in maniera chissà quanto peggiore e che, a differenza nostra, non farà certo distinzioni di bandiera per colpire.

Bisogna anche ascoltare gli scienziati. Lasciarsi guidare e aiutare da loro. Collaborare. La ricerca scientifica sul riscaldamento globale e sui suoi effetti dev'essere continuamente sostenuta e finanziata, ma le donazioni volontarie dei comuni cittadini non bastano. 

I soldi non sono la cosa più importante, d'altronde se così fossero non sarebbero la principale causa del male che stiamo facendo al Pianeta e a noi stessi. Investirli nella ricerca scientifica, indirizzarli alle cause ambientaliste, sarebbe saggio. Sarebbe già una grande parte di soluzione al problema. Molti cittadini donano alla ricerca e alle cause umane, chi più chi meno frequentemente. I politici invece, di norma, basano l'urgenza della risoluzione di un problema in base al costo conveniente o meno degli interventi. Questo è avvenuto anche davanti all'incendio in Siberia, che continua a bruciare e fumare e inquinare, davanti all'affanno disperato di quegli attivisti che cercano di accumulare milioni di firme da tutto il mondo per poi inviarle a chi potrebbe fermare tutto questo scempio ambientale in uno schiocco di dita. Coi soldi non riequilibri un ecosistema, né abbassi la temperatura media globale. Contano le azioni che fai. Si può vivere una vita davvero piena e felice senza impattare negativamente questo pianeta. E se vogliamo sopravviverci, non c'è poi nemmeno altra scelta.

La cosa più importante è la vita. Di tutto e di tutti. Dovremmo inseguire ciò che serve per sostenerla, non per distruggerla. 

Siamo tutti umani e siamo tutti coinquilini della stessa casa, il Pianeta Terra. Prima lo interiorizziamo, prima possiamo risolvere il problema. Quanto sarà bello beneficiare appieno delle nostre vite, sapendo di aver contribuito a risolvere uno dei più gravi disastri globali nella storia dell'uomo? Non ci sarà cuscino più comodo su cui dormire della nostra coscienza pulita, non ci sarà battaglia più bella da raccontare ai nostri nipoti ancora in vita, né ci sarà una realtà migliore da sognare del nostro mondo, finalmente salvo.

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 100 firme!