#orgoglioPD. VOGLIAMO UN CONGRESSO PER COSTRUIRE, NON PER DISTRUGGERE

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.


DICIAMO NO AD UNA POLITICA AUTOREFERENZIALE
Prima del PD vengono i bisogni dei cittadini, il futuro del Paese, il destino dell’Europa su cui incombe l’incognita del rigurgito dei nazionalismi e dell’ombra dei populismi.
E’ per offrire a milioni di uomini e di donne un orizzonte  progettuale di società e di vita, basato sui principi ed i valori  propri della sinistra - democrazia, uguaglianza, equità, giustizia sociale, solidarietà -  che è nato il Partito Democratico e da questi principi e valori occorre oggi ripartire per elaborare una nuova direzione di senso della proposta politica dei democratici italiani.
IL DOVERE DI RENDERE CONTO
A questo scopo serve innanzitutto convocare il Congresso. Non inteso come formale adempimento statutario, ma come luogo politico sostanziale, nel quale formulare un bilancio di quello che è stato fatto e rendere pubblicamente conto delle scelte compiute, degli errori commessi, delle promesse mantenute e delle aspettative tradite. E di errori in questi anni ne sono stati compiuti tanti, da tutti, nessuno escluso. Appaiono quindi incomprensibili  e strumentali le divisioni che oggi rischiano di lacerare il Partito Democratico in un mero ed autoreferenziale scontro di potere interno, che mina  la credibilità dei suoi protagonisti  ed aumenta la distanza degli elettori  dalla politica.
A  CHI CI RIVOLGIAMO
Con questo appello ci rivolgiamo ai dirigenti nazionali e locali del Partito Democratico,  ai tanti militanti e  simpatizzanti, al “popolo delle primarie” che con la sua straordinaria mobilitazione ha contributo negli anni a segnare le tappe più importanti del principale partito della sinistra italiana ed europea. Soprattutto ci rivolgiamo ai tanti cittadini “orgogliosamente democratici e liberamente pensanti”, che non si riconoscono nella vecchia logica che ha regolato finora la dialettica interna al partito.
Questo slogan, #orgoglioPD, non è nato casualmente, ma è stato tratto da una lettera pubblica scritta da un militante come tanti e che potete leggere al seguente link.
Non un classico appello ad una generica e retorica unità, ma un invito ad assumersi le proprie responsabilità ed a ricostruire, a partire dal Congresso, un luogo politico di comune confronto.

UN CONGRESSO PER COSTRUIRE
A tutti chiediamo di far sentire la propria voce sottoscrivendo questa petizione, affinché l’annunciato Congresso sia convocato non per distruggere il Partito Democratico, ma per rifondarlo su basi nuove, per ricollocarlo al centro di una proposta riformatrice in grado di rilanciare l’Italia e l’Europa, per delineare una nuova missione condivisa ed una rinnovata identità della comunità democratica, nella quale la pluralità di visioni e di proposte possa fare la differenza.

 

 



Oggi: Leonardo conta su di te

Leonardo Calzeroni ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "On. : #orgoglioPD. VOGLIAMO UN CONGRESSO PER COSTRUIRE, NON PER DISTRUGGERE". Unisciti con Leonardo ed 78 sostenitori più oggi.