NUOVE REGOLE per i TETTI DI SPESA per l'acquisto dei LIBRI SCOLASTICI

NUOVE REGOLE per i TETTI DI SPESA per l'acquisto dei LIBRI SCOLASTICI

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.
Più firme aiuteranno questa petizione a destare l'interesse dei media locali. Aiuta a portare questa petizione a 200 firme!
Antonella Valoroso ha lanciato questa petizione

Basta con regolamenti assurdi e insensati che impediscono a docenti e studenti di lavorare con gli strumenti di cui hanno più bisogno: i LIBRI CARTACEI.

La Nota MI n. 5022 del 28.02.2022 del MIUR con oggetto “Adozione dei libri di testo nelle scuole di ogni ordine e grado – anno scolastico 2022/2023” riduce ulteriormente i tetti di spesa per l’acquisto dei libri di testo dando per scontata una fantomatica "riduzione dei costi dell'intera dotazione libraria derivanti dal passaggio al digitale e della disponibilità dei supporti tecnologici”. In altre parole nelle segrete stanze del MIUR qualche burocrate che non ha mai messo piede in un’aula scolastica presume
a) che tutti gli studenti e le studentesse delle scuole pubbliche italiane abbiano a disposizione almeno un tablet e una connessione a internet (sia a scuola che a casa);
b) che ai fini dell’efficacia didattica l’utilizzo di un testo digitale e di un testo cartaceo siano perfettamente equivalenti.

Ma i libri veri, i libri di carta sono strumenti indispensabili anche nelle aule 4.0. e con le regole attuali non si riescono più a rispettare i tetti di spesa imposti dal Ministero.

Basterebbe davvero poco per risolvere il problema che in questo momento sta mettendo in crisi migliaia di docenti in tutta Italia. Basterebbe modificare la maniera in cui si calcolano i tetti di spesa: non più per anno, perché non ha senso, ma per ciclo o fascia d'istruzione. Per la scuola secondaria di primo grado il tetto dovrebbe essere calcolato sull'intero triennio, per la scuola secondaria di secondo grado andrebbe invece diviso tra biennio (primo e secondo anno e quindi ancora fascia dell'obbligo) e triennio (terzo, quarto e quinto anno). 

Se invece di dire che in un liceo linguistico si possono spendere €335 al primo anno e €193 al secondo anno si dicesse che si possono spendere €528 euro in due anni il problema dei tetti di spesa sarebbe in buona parte risolto. E così via per il triennio superiore o la scuola media. Sommare per credere!

Questa direttiva va cambiata prima del 15 maggio, data di scadenza per le adozioni dei libri di testo per l'anno scolastico 2022/2023.

Nota MIUR Libri di Testo

 

 

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.
Più firme aiuteranno questa petizione a destare l'interesse dei media locali. Aiuta a portare questa petizione a 200 firme!