Il mio pensiero è curvy!

Il mio pensiero è curvy!

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.
Più firme aiuteranno questa petizione a destare l'interesse dei media locali. Aiuta a portare questa petizione a 200 firme!
Cora Gasparotti ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Roberto Speranza (Ministro della Salute) e a

Questa campagna di sensibilizzazione nasce per cambiare il punto di vista ad un'intera generazione, soprattutto giovane, forzata alla ricerca di un'estetica fisica spesso non reale o salutare promossa erroneamente da social e non solo. 

Non intende alimentare il clima del Body Shaming, ma anzi far comprendere come il fisico vada sicuramente curato ed educato al benessere ma non sia il fattore più importante della vita sociale dell'individuo. 

Fa più la differenza nel mondo un corpo, qualunque esso sia e comunque esso sia, o il pensiero che è dietro quel corpo? 

È per questo che vogliamo promuovere e dare rilevanza ad una nuova linea di pensiero, quella del "pensiero curvy" ovvero un pensiero goloso, ingordo di nuove informazioni e punti di vista, aperto al nuovo, al cambiamento, al dialogo e al confronto critico, oltre che predisposto al pensare “in grande” in modo creativo, imprevedibile e non convenzionale. 

In un momento di così grande cambiamento e di lotte per la tutela della diversità e della minoranza, vorremmo che si capisse l'importanza di questo nuovo punto di vista, del nutrimento del pensiero per la costruzione di un mondo più libero non solo banalmente di essere ma anche di pensare, esporsi, confrontarsi e ascoltarsi senza che l'estetica diventi un "metro di giudizio limite" tale da creare disagi profondi nella vita sociale e tremende ripercussioni sulla psiche e la salute dell'individuo.

Chiediamo quindi sanzioni più severe e molta più attenzione da parte degli enti competenti per il fenomeno del Body Shaming, su tutti i suoi livelli, tipologie e conseguenze, e una corretta informazione e divulgazione delle buone norme di salute che passi per l'educazione scolastica e per la promozione da parte degli enti competenti, non solo di uno stile di vita sano, ma anche di quanto questo debba essere adatto al proprio corpo quindi non standardizzato per tutti ma relativo alle caratteristiche individuali e del tutto legato ad una sfera di salute, materia quindi di persone competenti e formate nel campo del benessere, della medicina, dello sport o affini e non dei capricci sociali.

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.
Più firme aiuteranno questa petizione a destare l'interesse dei media locali. Aiuta a portare questa petizione a 200 firme!