No gas, ma rinnovabili per il teleriscaldamento a Lodi

No gas, ma rinnovabili per il teleriscaldamento a Lodi

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.500.
Più firme aiuteranno questa petizione a destare l'interesse dei media locali. Aiuta a portare questa petizione a 1.500 firme!
Andrea Poggio ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a dr.essa Sara Casanova (Segreteria Sindaco del Comune di Lodi)

Noi cittadini di Lodi abbiamo scoperto per caso che si stava costruendo una centrale da 20 MW a metano per il teleriscaldamento, in centro, tra il Tribunale e le case.

Proposta da Linea Green (A2A) e approvata in silenzio dal Comune di Lodi, dopo autorizzazione provinciale (rumore, emissioni, ecc), la nuova centrale sostituisce la vecchia principale caldaia fuori città. Nessuno ci ha spiegato perché avvicinare al centro la centrale di base che funziona tutto inverno (2.480 ore all'anno).

Troppo inquinamento a Lodi: dobbiamo ridurre del 70% l'inquinamento (polveri fini e ossidi d'azoto) per rispettare i limi dell'Organizzazione Mondiale della Sanità.

Troppo metano fossile: tutti i governi ci dicono di dover ridurre la dipendenza dal metano, ormai troppo costoso e inquinante.

Mentre, se il teleriscaldamento dipendesse meno dai costosi combustibili fossili e più dalle rinnovabili pulite, avremmo minori costi di riscaldamento, aria più pulita. Più gas nel riscaldamento significa anche minor valore immobiliare: la classe energetica delle abitazioni servite dalla rete di teleriscaldamento sarebbe più alta se si usassero più energie rinnovabili.

Il 31 marzo, nel corso dell'incontro in Comune con Sindaca e Linea Green salta fuori che non sarà l'unico nuovo impianto a gas e che il teleriscaldamento dipenderà dal metano anche in futuro: senza un piano, senza Valutazione Ambientale, senza valutare l'inquinamento in città!

Il 21 aprile la sindaca di Lodi, Sara Casanova, invece di fermare i lavori, fa votare dalla sua maggioranza di proseguire. Chiediamo perciò al Comune e a Linea Green (A2A):

  1. predisponga subito un nuovo progetto di centrale di base a pompe di calore da fonti rinnovabili (emissioni zero), al posto della nuova centrale a gas metano,
  2. chiudere o spostare qualsiasi camino per il teleriscaldamento fuori città e prevederne l'abbandono in tempi certi,
  3. predisponga un piano per uscire dai combustibili fossili, diminuendo gli attuali prezzi di riscaldamento e migliorando la qualità della vita a Lodi

Comitato abitanti zona "Tribunale di Lodi",
Circolo Legambiente LodiVerde,
corpo consolare lodigiano TCI

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.500.
Più firme aiuteranno questa petizione a destare l'interesse dei media locali. Aiuta a portare questa petizione a 1.500 firme!