NO BAVAGLIO Difendiamo ora l'Art. 21 della Costituzione

0 hanno firmato. Arriviamo a 2.500.


E' successo a Bolzano ieri e potrà succedere domani in un'altra parte del paese.

Tre giornalisti genovesi (Ferruccio Sansa del Fatto Quotidiano, Marco Preve di Repubblica e Matteo Indice della Stampa ) sono stati identificati dalla Guardia di Finanza e portati in caserma per rispondere su richiesta della Procura genovese sugli articoli che riguardano i flussi finanziari della Lega.

Il loro lavoro di indagine, che riguarda una delle vicende più oscure di questi ultimi anni, di un’indagine finanziaria che riguarda riciclaggio conseguente a truffa ai danni dello Stato, di milioni di fondi pubblici, per tre ore è stato imbagliato

Ecco tre link per capire meglio di cosa stiamo parlando:

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/06/13/bolzano-perquisizioni-alla-sede-centrale-della-sparkasse-i-pm-cercano-i-soldi-della-lega-arrivati-dal-lussemburgo/4423863/ 

http://genova.repubblica.it/cronaca/2018/06/13/news/genova_perquisizioni_alla_sparkasse_di_bolzano_e_la_banca_chiave_dell_inchiesta_sulla_lega-198872932/

http://www.lastampa.it/2018/06/14/italia/centemerotesoriere-del-carroccio-parnasi-pagava-la-lega-credeva-nei-nostri-progetti-zZ0PvdYsHTUMrl1IqwOyfM/premium.html

Il fatto che essi siano stati trattenuti, in modo anomalo, nello svolgimento ordinario delle loro indagini, non può che inquietarci come cittadini e come opinione pubblica.

Noi:
- deploriamo quanto è accaduto.
- siamo estremamente preoccupati e non possiamo non pensare al tentativo di mettere un bavaglio alla libertà di informazione nel paese;
- condanniamo il comportamento intimidatorio messo in atto da magistratura e polizia giudiziaria nei confronti di questi giornalisti.

L'articolo 21 della nostra Costituzione sia rispettato e sia rispettato il lavoro svolto dai giornalisti e da quanti sono impegnati a difendere l'informazione e illuminare i processi sociali e politici del nostro paese.

Facciamo pertanto nostra la denuncia fatta dalla Federazione nazionale della Stampa italiana, dall'Associazione Ligure Giornalisti, dall'Ordine Giornalisti della Liguria e Gruppo Cronisti Liguri per la “sorpresa di questa scelta muscolare di magistratura e polizia giudiziaria”.

Con questa petizione - in primis - esortiamo il Presidente della Repubblica a continuare a essere il Garante del rispetto della Costituzione e dell'articolo 21.

Noi tutte e tutti chiediamo pertanto di continuare a garantire in modo effettivo e sostanziale il diritto all'informazione, la ricerca della giustizia e della verità del nostro paese e la tutela della nostra Costituzione. 
- al Presidente del Senato,
- al Presidente della Camera, 
- al Parlamento della Repubblica, 
- al Senato della Repubblica, 
- al Presidente del Consiglio dei Ministri,
- e a tutti i rappresentanti di questo governo.

 



Oggi: Fabio conta su di te

Fabio D'Urso ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "NO BAVAGLIO Difendiamo ora l'Art. 21 della Costituzione". Unisciti con Fabio ed 1.812 sostenitori più oggi.