PETIZIONE CHIUSA

NO all'Eliporto all'Ospedale San Carlo di Milano

Questa petizione aveva 108 sostenitori


                             LE RAGIONI DEL “NO” :

1.       Perché la base HEMS costerebbe circa 500.000 €  per una struttura stabile di circa 1.000 mq per un Hangar che comprende: il ricovero degli elicotteri; un’officina meccanica; un deposito carbolubrificante e lo spazio per la pista. Spesa inutile perché secondo le normative Europee è vietato costruire basi di volo all’interno di un centro urbano, ma in periferia. Per cui, tale struttura solo dopo pochi anni dovrebbe essere abbandonata e abbattuta.

2.       Perché causerebbe inquinamento acustico con un Leq medio di 80/90 dB - come stimato dall’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente ( ARPA) nel 12/01/2017 nei suoi rilievi dell’impatto acustico - durante le 1800 prove di volo annue, con circa 5 prove giornaliere e aggravate dalle 148 mensili prove obbligatorie per il mantenimento del brevetto rispetto alle reali esigenze ospedaliere di due voli/anno.

3.       Perché causerebbe inquinamento  per la caduta di amianto dalle pale degli elicotteri.

4.       Perché queste attività e la stessa base HEMS creeebbero disagio agli operatori sanitari nel trasporto dei pazienti e ai pazienti stessi per mancata area parcheggio adiacente alla struttura, quindi obbligati a posteggiare fuori dall’area della struttura ospedaliera percorrendo un rischio di incidenti durante il tragitto.

5.       Perché la realizzazione della base HEMS implicherebbe l’abbattimento degli alberi attualmente presenti nel parco privandoci del beni offerti gratuitamente:ombra, ossigeno e armonia.

6.       Perché a soli pochi metri di distanza dalla pista di decollo/atterraggio sarebbe probabile presenza di una cisterna di combustibile per gli elicotteri  e vicina ai magazzini ospedalieri della farmacia con stoccaggio e le cucine alimentate a gas. La base Hems non solo non considerata ad "elevato rischio d'incendio", ma è classificata dai Vigili del Fuoco tra le "attività non soggette a controllo". Ciò non toglie, ovviamente, che anche dai Vigili del Fuoco verrà acquisito comunque preliminare formale benestare. Riguardo al deposito carburante la soluzione più idonea sarà valutata nell'ambito dell'attività di progettazione attualmente in corso. Al momento, presso la base di Bresso la soluzione utilizzata consiste nell'impiego di un'autocisterna con capacità di circa 9.000 litri, periodicamente rifornita: questa è una delle possibili soluzioni che verranno prese in considerazione. In ogni caso, ovviamente, la scelta progettuale individuata verrrà sottoposta al parere dei Vigili del Fuoco.

7.       Perché durante i voli può essere rischioso per tutti gli automobilisti che transitano nella trafficata strada e incrocio adicaneti all’Ospedale San Carlo.

8.       Perché già l’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile (d’ora in poi ENAC), già nel 2012 giudicava fuori norma l’utilizzo della pista dell’Ospedaliero S. Carlo Borromeo quale base elicotteri.

 

      



Oggi: M5S Milano conta su di te

M5S Milano ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "NO all'Eliporto all'Ospedale San Carlo di Milano". Unisciti con M5S Milano ed 107 sostenitori più oggi.