MUSEO SOTTO SFRATTO DALL'ISTITUTO AUTONOMO DI TIVOLI - M​.​I.C.

MUSEO SOTTO SFRATTO DALL'ISTITUTO AUTONOMO DI TIVOLI - M​.​I.C.

0 hanno firmato. Arriviamo a 2.500.
Quando arriverà a2.500 firme, questa petizione avrà più possibilità di essere presa in considerazione dai media e dai giornali locali!

museo didattico del libro antico ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a ministero della cultura e a

L’ISTITUTO AUTONOMO DI TIVOLI-MINISTERO DELLA CULTURA

                        SFRATTA IL MUSEO DEDICATO ALLE SCUOLE

                               40 ANNI DI CULTURA CANCELLATI

                      PER FAR POSTO A UN “BAR-CAFFETTERIA”

Per oltre 40 anni, nei siti UNESCO di Tivoli, il Museo Didattico del Libro Antico di Villa d’Este e il Laboratorio di Archeologia Bibliotecaria di Villa Adriana hanno svolto attività espositive e didattico-scientifiche inclusive, gratuite e strettamente legate all’identità del territorio, ospitando oltre 250.000 studenti. Oggi sono sotto sfratto per volere dell’istituto autonomo del Ministero della Cultura - Direzione VA-VE (Tivoli).

                      Il motivo? Fare posto a un bar caffetteria

                                              La Storia

Nell’arco di 40 anni, le sedi sono state riqualificate e musealizzate con progetti esecutivi approvati e finanziati da MiBAC, Regione Lazio, Comune di Tivoli e dalla stessa associazione. Nel 1980 a Villa d’Este la Grotta di Venere, abbandonata per secoli, è divenuta Museo Didattico del Libro Antico. Dal 1988 al 2003, in collaborazione del Comune di Roma, sono stati accolti gratuitamente circa 9000 studenti ogni anno.

Nel 2004, le attività hanno ricevuto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e, a Villa Adriana, la Soprintendenza Archeologica ha concesso nuovi locali (in stato di abbandono) destinati a diventare il Laboratorio di Archeologia Bibliotecaria, con investimento finanziario vincolato della destinazione d'uso per trent’anni.

Aperti gratuitamente al pubblico, il Museo e il Laboratorio hanno lavorato, fin dal 1984, in sinergia con il MIUR, i Musei Vaticani, lo Smithsonian Institution, il CNR, con particolare attenzione allo sviluppo di programmi didattici per le scuole di ogni ordine e grado.

Nel 2018 entrambe le sedi hanno ricevuto l’invito a sgomberare, con effetto immediato, sia le collezioni che le attrezzature didattiche e scientifiche.

                                                     Lo scandalo

Il primo museo didattico, nato all’interno dei beni culturali in base all’accordo quadro MIBAC - MIUR, insostituibile attrattore dei flussi di turismo, in particolare scolastico, dotato di precorso tattile per i disabili della vista, ideatore e curatore di attività rivolte ai musei e alle università, viene sfrattato dal Ministero della Cultura per fare spazio a un bar-caffetteria (per altro già esistente all’interno dei siti e in disuso).

L’associazione Fannius, che cura e gestisce il Museo e il Laboratorio, sta portando avanti una battaglia che ha bisogno dell’aiuto di tutti, affinché la cultura sia presidio di civiltà da tutelare e difendere e perché possa divenire risorsa per le future generazioni.

Firma la petizione e salva il Museo e il Laboratorio

Diffondi la nostra battaglia

Condividi il nostro appello sui social

www.fannius.it

https://www.facebook.com/archeologialibraria

https://www.facebook.com/museodidatticolibroantico

0 hanno firmato. Arriviamo a 2.500.
Quando arriverà a2.500 firme, questa petizione avrà più possibilità di essere presa in considerazione dai media e dai giornali locali!