Giù le mani dal Research Centre for European Philological Tradition

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.

Quando arriverà a1.000 firme, questa petizione avrà più possibilità di essere inserita tra le petizioni consigliate!
Quando arriverà a1.000 firme, questa petizione avrà più possibilità di essere inserita tra le petizioni consigliate!

Il nuovo proprietario di Villa Giambonini, a Lugano, sede del Research Centre for European Philoligical Tradition, pretende che il centro abbandoni i locali 9 mesi prima della scadenza del contratto. Il centro ha pagato regolarmente l'affitto, nonostante la chiusura al pubblico dallo scorso mese di febbraio, causata dall'emergenza sanitaria e non ha beneficiato di alcun aiuto pubblico alla cultura. Il nuovo proprietario non ha appigli legali per imporre lo sfratto. Il centro è stato luogo d'incontro, di discussione, di studio. Ha una ricchissima biblioteca filologica e una propria casa editrice. È uno di quegli innumerevoli luoghi di cultura di cui è fatta una società civile. Gli spazi del centro verranno destinati dal nuovo proprietario ad uffici. Chi uccide la cultura, uccide il futuro. Chiediamo a giornalisti e a chi ha cuore la cultura, al Municipio di Lugano, a chiunque ne abbia potere di aiutarci a denunciare pubblicamente le pressioni che il centro sta subendo e a trovare una nuova ubicazione consona al centro. Spostare una biblioteca di oltre 10'000 volumi non può avvenire entro dicembre, come il nuovo proprietario pretende.
Aiutateci, grazie.



Oggi: Lev conta su di te

Lev Loewenthal ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Municipio di Lugano: Giù le mani dal Research Centre for European Philological Tradition". Unisciti con Lev ed 856 sostenitori più oggi.