MONTE SANTA MARIA TIBERINA: NO AL NUOVO RIPETITORE! NO TO 28M CELLPHONE ANTENNAE!

0 hanno firmato. Arriviamo a 5.000.


Chiediamo al Sindaco e alla Giunta Comunale tutta di non permettere l'istallazione del nuovo ripetitore di telefonia mobile a Monte Santa Maria Tiberina in località S.Pietro. 

I residenti, i proprietari stranieri e i turisti che hanno eletto Monte S. Maria Tiberina come loro dimora permanente o estiva esprimono qui il loro dissenso all'istallazione del ripetitore che deturperà il bellissimo paesaggio che tanto amano, segnando il profilo del nostro Monte non più con la silhouette del borgo medievale che lo distingue bensì con quello di un'antenna di 28 m. Troviamo inaudito che venga concesso un tale scempio, che, a prescindere dalla realizzazione su terreno edificabile privato, vada a "beneficiare" le tasche di un singolo cittadino, danneggiando tutti gli altri. 

Chiediamo al sindaco e al comune di tutelarci, perchè questo nuovo ripetitore non è di alcuna utilità pubblica in quanto la copertura telefonica mobile è già garantita in modo soddisfacente da Vodafone e la connessione internet è già presente e sta per godere di un valido upgrade grazie all'istallazione della fibra ottica che si sta completando proprio in questi mesi.

Troviamo che non ci siano benefici che derivano da questa nuova infrastruttura, soltanto svantaggi a danno di tutti i cittadini legati al deturpamento del nostro bel paesaggio, al deprezzamento delle proprietà circostanti e all'inevitabile calo di interesse dei turisti che abitualmente soggiornano presso il campeggio adiacente e presso le case vacanze poco distanti, con conseguenti ricadute su tutto l'indotto.

Inoltre il nuovo ripetitore espone tutti ad un rischio per la salute che non è stato ancora accertato in quanto non abbiamo garanzie sul tipo di antenne che verranno istallate in futuro, però è certo che saremo tutti più esposti all'elettrosmog e in futuro forse anche alle frequenze del 5G, che è già stato bandito dai comuni limitrofi in nome del principio di precauzione in quanto non ci sono studi scientifici che garantiscano la sicurezza di tali impianti. 

_______________________________________________________________________

We ask the Mayor and the City Council not to allow the installation of the new mobile phone antennae in Monte Santa Maria Tiberina, Loc. S. Pietro/Palazzetto.

The residents, foreign owners and tourists who have elected Monte S. Maria Tiberina as their permanent or summer residence express here their dissent to the installation of the antennae which will spoil the beautiful landscape that they love so much, marking the profile of our Monte no longer with the silhouette of the medieval village that distinguishes it but with that of an antenna tower of 28 m. We find outrageous that such a massacre is granted, "benefitting" the pockets of a single citizen and damaging all the others.

We ask the mayor and the municipality to protect us, because this new antennae is of no public use as mobile phone coverage is already satisfactorily guaranteed by Vodafone and the internet connection is already present and is about to enjoy a valid upgrade thanks to the installation of the optical fiber which is being completed right now.

We find that there are no benefits that derive from this new infrastructure, only disadvantages to the detriment of all citizens: defacement of our beautiful landscape, depreciation of the surrounding properties, inevitable decline in interest from tourists who habitually stay at the adjacent campsite and nearby holiday homes and consequent repercussions on all related activities.

In addition, the new repeater exposes everyone to a health risk that has not yet been ascertained as we have no guarantees on the type of antennas that will be installed in the future, but it is certain that we will all be exposed to electromagnetic pollution and in the future perhaps also to 5G frequencies, a technology that has already been banned by neighbouring municipalities in the name of the PRECAUTIONARY PRINCIPLE as there are no scientific studies to guarantee the safety for human health.