Rivogliamo il pubblico nei rally e negli sport automobilistici

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.


Egregio Ministro Spadafora,
in questi giorni, dopo la vicenda Covid-19 che ha visto coinvolta la nostra Nazione, stanno ripartendo tutti gli sport.

Noi, amanti delle auto e delle competizioni, troviamo ingiusto ed insensato far disputare le competizioni automobilistiche a porte chiuse. È in corso in queste ore il primo rally post emergenza. Si sta svolgendo il Rally del Casentino, prima prova dell'International Rally Cup.

Grandi sforzi sono stati messi in campo dagli organizzatori e dagli addetti ai lavori, ma il pubblico, rimane fondamentale nelle competizioni automobilistiche, soprattutto su quelle disputate su strada. Noi, come testata giornalistica, già dal Rally di Roma Capitale saremo presenti a tutti gli appuntamenti stagionali. Proprio quest'anno, saranno presenti numerose WRC Plus, sia a Roma, che la settimana successiva al Rally di Alba e mi creda, è impensabile privare il pubblico di questo fantastico spettacolo.

È chiaro che tutte le precauzioni devono essere prese per evitare che si ritorni con i contagi, ma puntando al senso di responsabilità di ogni individuo, non si può privare il pubblico di assistere alle competizioni.
Si sta andando in direzioni di riapertura per qualsiasi forma di attività commerciale e ludica. Ormai, giornalmente, assistiamo a varie forme di assembramento, che ci fanno sentire a disagio con la scelta di disputare, ancora oggi, le manifestazioni automobilistiche a porte chiuse.

Come detto in precedenza, il pubblico è anche garanzia per gli equipaggi in gara, perchè in ogni manifestazione, nei tratti non coperti da commissari e addetti ai lavori, in caso di incidenti è proprio il pubblico a soccorrere ed aiutare gli equipaggi. La "compagnia della spinta" è ormai nota e fondamentale in ambito rallistico ed automobilistico, noi vogliamo che tutti, non soltanto gli addetti ai lavori, possano godere dello spettacolo che danno le auto in gara. Le prove speciali sono lunghe e dispersive e permettono ai tanti appassionati, di potersi posizionare in variati punti lungo il percorso.

Il pubblico deve tornare nei Rally e nelle competizioni automobilistiche!
Grazie e buon lavoro Ministro Spatafora
Rally Time