Fragilità mentale. Più ricerca e più assistenza alle famiglie.

Fragilità mentale. Più ricerca e più assistenza alle famiglie.

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.
Più firme aiuteranno questa petizione a ottenere una risposta da parte del decisore. Aiuta a portare questa petizione a 500 firme!
Claudio Delfini ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Roberto Speranza (Ministro della Salute) e a

Nella nostra società sono in forte aumento le malattie di ordine psichiatrico e psicologico, dalle depressioni alle forme psicotiche più gravi. Il servizio sanitario nazionale è molto carente nella cura e nell'assistenza rivolta alla salute mentale. Particolarmente insufficiente appare la ricerca scientifica volta a conoscere i processi biologici che provocano le malattie della mente e di conseguenza le possibili terapie. Non meno insufficiente appare l'assistenza e il supporto psicoterapeutico gratuito delle istituzioni aisanitarie ai malati e alle loro famiglie che sono lasciate completamente sole.

La legge Basaglia, che di  fatto ha scaricato sulle famiglie tutto il peso morale, psicologico ed economico dei malati di mente, non ha ancora trovato sufficiente attuazione sia nel dotare le strutture pubbliche sanitarie delle  risorse specialistiche necessarie, sia nel predisporre una adeguata  assistenza domiciliare ai pazienti e alle loro famiglie, sia infine nel promuovere attività occupazionali e lavorative a scopo terapeutico. Appare urgente che la società dimostri grande attenzione e assistenza verso le malattie della mente. I fondi in arrivo dall'Europa sono un'occasione unica per promuovere un profondo cambiamento di rotta in fatto di ricerca scientifica, cura e assistenza alle persone colpite nell'essenza della loro dignità: l'equilibrio della loro mente.

Chiediamo di firmare questa petizione affinché il ministro Roberto Speranza si faccia carico di questa richiesta di giustizia sociale per tutti coloro che soffrono di malattie della mente.

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.
Più firme aiuteranno questa petizione a ottenere una risposta da parte del decisore. Aiuta a portare questa petizione a 500 firme!