Buoni pasto anche in smart working

Buoni pasto anche in smart working

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 100 firme!
Augusto Fierro ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Ministro pubblica amministrazione e agenzie fiscali

A causa dell'emergenza epidemiologica legata al Covid-19, le modalità di svolgimento dell'attività lavorativa sono cambiate. Infatti, a partire dal mese di marzo, i dipendenti pubblici hanno aderito allo smart working. A proprie spese e non senza problemi, lavorando da casa, essi hanno continuato a far funzionare la Pubblica Amministrazione, che, senza subire rallentamenti, ha peraltro realizzato un notevole risparmio sulle spese di funzionamento (utenze, materiale di consumo). Tuttavia, un risparmio ingiustificato è stato ottenuto sulle spalle dei lavoratori, a cui, in tutti questi mesi, sono stati negati i BUONI PASTO, a dispetto di quanto previsto dalla normativa di settore e dalla contrattazione collettiva e in contrasto con gli impegni presi dalla PA di garantire lo stesso trattamento economico a chi ha scelto di lavorare in modalità SMART WORKING. La scelta di organizzare il lavoro in presenza o a distanza non deve comprommettere la retribuzione dei dipendenti pubblici,  che hanno già perso in termini di potere di acquisto per i mancati rinnovi contrattuali.

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 100 firme!