Via il Commissario Scura dalla Calabria!

0 hanno firmato. Arriviamo a 2.500.


A seguito degli ennesimi tagli alla sanità in Calabria ad opera del Commissario ad acta Ing. Massimo Scura, da lunedì 05 giugno i cittadini calabresi sono costretti a pagare tutte le prestazioni sanitarie (esami del sangue, TAC, risonanze, fisioterapia, ecc.) con l’inevitabile allungamento delle liste di attese e il rischio licenziamento per chi lavora in questo settore. Le strutture private non sono più in grado di sostenere una situazione gravissima che si protrae da troppo tempo e che porterà all'inevitabile licenziamento di parte del personale sanitario e, in molti casi, alla chiusura definitiva dell'attività.

Il commissario Scura minaccia i direttori generali di denunciarli alla Corte dei conti e alla magistratura penale se dovessero effettuare i pagamenti dovuti (2017 e 2018) e lo fa contro il parere del dirigente generale del Dipartimento alla salute della Regione Calabria e l’avvocatura regionale. 

Chiediamo a gran voce al Ministro della Salute, On. Giulia Grillo, la rimozione immediata del Commissario Massimo Scura, per salvare quel poco che ancora funziona nella sanità calabrese. 



Oggi: Cittadini conta su di te

Cittadini Calabresi ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Ministro della Salute: Via il Commissario Scura dalla Calabria!". Unisciti con Cittadini ed 1.695 sostenitori più oggi.