Basta fumo sulle spiagge, nei parchi e nei luoghi all'aperto frequentati dai bambini.

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.500.


I nostri figli sono già abbastanza intossicati dall'inquinamento nelle grandi città.
Non è possibile che anche in posti dove dovrebbero respirare aria pulita, siano costretti a inalare nicotina e subire i danni del fumo passivo che è ormai accertato essere causa di gravi patologie.
Non è possibile affidarsi alla sensibilità dei singoli a non fumare in faccia ai bambini, perché purtroppo non tutti sono in grado o hanno voglia di capire che il piacere della loro sigaretta danneggia i più piccoli.
Per questo motivo chiediamo al
Governo di rivedere l'attuale normativa in materia (legge 3/2003), estendendo l'ambito di applicazione del divieto di fumo ad alcuni luoghi aperti al pubblico e chiediamo ai sindaci di emanare ordinanze di divieto di fumo nei parchi, nelle aree giochi, nelle spiagge e nei ristoranti all'aperto in presenza di bambini e donne in gravidanza, come è già stato fatto in alcuni comuni (ad esempio Trento, Bolzano, Alghero, Firenze).
Chiediamo anche una campagna di sensibilizzazione per promuovere una cultura del rispetto e della buona educazione, per cui certi comportamenti virtuosi (non fumare davanti a un bambino) prima ancora di essere resi obbligatori dalla legge, diventino spontanea espressione di normale buon senso.
Difendiamo l'aria che respiriamo, difendiamo i nostri bambini.

 



Oggi: Valentina conta su di te

Valentina Donini ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Ministro della salute: Basta fumo sulle spiagge, nei parchi e nei luoghi all'aperto frequentati dai bambini.". Unisciti con Valentina ed 1.296 sostenitori più oggi.