TRENINO VERDE DELLA SARDEGNA PATRIMONIO MONDIALE

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.500.


I sottoscritti firmatari di questa petizione chiedono al Ministro degli Esteri, al Ministro dei Beni Culturali e alla Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, l’inserimento del Patrimonio Ferroviario del Trenino Verde della Sardegna nella Lista del patrimonio materiale mondiale  in pericolo e che necessita di urgente salvaguardia.

Il Trenino verde della Sardegna, con le sue articolazioni minerarie e costiere rappresenta un esempio unico e straordinario di rete ferroviaria a scartamento ridotto unica nel suo genere nell’intero mediterraneo.

Tale patrimonio risulta essere sempre più in stato di abbandono con gravissime ripercussioni sul patrimonio storico, architettonico, ingegneristico, ambientale, naturalistico e paesaggistico e sul piano turistico ed economico.

Si registrano tratti rilevanti di strada ferrata privi di alcuna manutenzione, con binari abbandonati, bulloni ferroviari sparsi lungo tutta la rete, traversine in disfacimento;

Un patrimonio unico nel suo genere lasciato in totale abbandono con un degrado totale, tutto funzionale alla dismissione non solo della tratta ogliastrina ma dell’intero compendio ferroviario naturalistico.

Tale patrimonio risulta essere meta mondiale di visitatori provenienti da tutti continenti, con particolare flusso dal Giappone, Australia, Cina e tutta l’Europa.

La mancata autorizzazione alla ripartenza del trenino verde e del suo spettacolare percorso nell'interno della Sardegna rischia di avviare un processo di dismissione e devastazione che farebbe perdere non solo al Mediterraneo un grande patrimonio di valenza mondiale unico nel suo genere.

Siamo dinanzi ad un patrimonio di tratte ferroviarie censite di oltre 466 km (la linea Mandas-Arbatax, la Mandas-Sorgono, la Sassari-Tempio Arzachena-Palau, la Macomer-Bosa);

Il Sistema ferroviario dell’antica ferrovia di Sardegna  è costituito dagli antichi viadotti, con travate metalliche o in pietra anche a due ordini d’archi, o dalle lunghe gallerie scavate nella roccia, costruite nell’Ottocento tra le montagne dell’interno, con tecniche di avanguardia per l’epoca.

Il tutto affiancato da caseggiati che segnano sul piano architettonico il paesaggio e il percorso della ferrovia, da ripristinare e ricondurre ad un uso produttivo.

 

Esiste, poi, un immenso quanto esclusivo patrimonio di mezzi rotabili storici con il parco storico di locomotive a Vapore (uno dei parchi mezzi storici più rilevanti d’Europa).

Esiste, ma anch’esso corre un grave rischio degrado, un sistema documentale, museale e dell’archivio storico della Ferrovia, che rappresenta una delle più vaste miniere documentali presenti in Sardegna, con la puntuale documentazione di una delle più significative realtà industriali dell’epoca, dalla fine dell’Ottocento ai giorni nostri.

L’Antica Ferrovia di Sardegna rientra nei sistemi naturalistici, forestali, di interesse geomorfologico, archeologico, di archeologia industriale, e come tale rappresenta un unicum di rilievo mondiale

Il sistema dell’Antica Ferrovia di Sardegna è caratterizzata da itinerari a forte valenza storica:

− delle ferrovie secondarie regionali;

− delle ferrovie minerarie, spesso ad altissima valenza paesistica, anche entro contesti costieri;

− delle “decoville”, che servivano le attività saliniere (Parco di Molentargius, come le saline di Carloforte e Sant’Antioco, etc.) o minerarie;

Tale petizione ha l’obiettivo di inserire tale Patrimonio dell’Antica ferrovia di Sardegna, denominato Trenino verde della Sardegna, nel patrimonio materiale mondiale  in pericolo e che necessita di urgente salvaguardia.

Si chiede ai destinatari di tale Petizione di adottare ogni utile iniziativa, secondo le procedure Unesco per il riconoscimento del Trenino Verde della Sardegna come Patrimonio dell'Umanità in pericolo e che necessita di urgente salvaguardia.

 

 



Oggi: Mauro conta su di te

Mauro Pili ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "MINISTRO DEI BENI CULTURALI - MINISTRO DEGLI ESTERI - COMMISSIONE NAZIONALE UNESCO: TRENINO VERDE DELLA SARDEGNA PATRIMONIO MONDIALE". Unisciti con Mauro ed 1.097 sostenitori più oggi.