PETIZIONE CHIUSA

Dimezzare il pedaggio delle autostrade valdostane gestite dalle società S.A.V. e R.A.V., in modo da riportarlo ai livelli delle altre autostrade italiane

Questa petizione aveva 1.834 sostenitori


 

I tratti autostradali gestiti dalle società in indirizzo (SAV e RAV), partecipate dalla Regione Autonoma Valle d’Aosta, sono, e di gran lunga, le più care d’Italia. Il prezzo a km del tratto Quincinetto-Aosta, in concessione alla SAV, è di ben 16 centesimi, contro i 7 centesimi di tratte analoghe in zone montane sulle Alpi (es. autostrada del Brennero), gestite da altre società concessionarie. Il costo del pedaggio è aumentato, su questa tratta, del 66% in soli 3 anni, passando dai 6,5 euro del 2010 agli attuali 10,80!

 

Il tratto Aosta-Courmayeur, gestito dalla RAV, costa invece agli automobilisti ben 22 centesimi al km con riduzioni per chi possiede il telepass.

 

Tutto ciò, unito alla nota situazione di precarietà del sistema ferroviario valdostano, al mancato raccordo fra trasporto su rotaia e quello su gomma, ai recenti tagli del trasporto pubblico locale, rende penalizzante gli spostamenti da e per la Valle d’Aosta, nonché al suo interno: è sufficiente citare il fatto che per raggiungere Aosta dal capoluogo torinese, la cui distanza, in treno, è di 110 km, ci vogliono, se tutto fila liscio, 2 ore e 20 minuti, con una media oraria inferiore ai 50 km/h e un cambio di mezzo a Ivrea!

 

La mobilità è un diritto dei cittadini, così come la salute e l’istruzione! Consente di conseguire un adeguato livello di istruzione, di mantenere il proprio posto di lavoro, di trascorre in maniera qualificata il tempo libero, di curare le relazioni famigliari e amicali e di curarsi. Non si può speculare sui bisogni primari dei cittadini, tartassandoli con un gabella di stampo medievale, e confidando sul fatto che si può agire in un regime, di fatto, di monopolio. Occorre passare ad una gestione imprenditoriale, eliminando sprechi ed inefficienze, in modo da poter portare i costi di gestione al livello delle altre società.

 

Chiediamo pertanto agli enti in indirizzo non solo di non procedere con ulteriori sciagurati aumenti, ma di dimezzare le attuali tariffe, in modo da portarle ai livelli delle altre gestioni italiane e in linea con quanto previsto dalla tabelle di ASPI per le zone di montagna. Ciò genererebbe, tra l’altro, un aumento del numero dei transiti, sia di pendolari, sia di turisti, aumentando così gli incassi, e riportando la statale 26 ai dei normali standard di utilizzo e alla sua naturale funzione, liberando i piccoli centri del fondo valle da un costante e pericoloso transito di automobili e mezzi pesanti.

 

 

 

Il direttivo dell’Associazione

 

Pendolari stanchi Vda

 



Oggi: Pendolari Stanchi VdA conta su di te

Pendolari Stanchi VdA ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Ministero Trasporti; ANAS; Presidente Giunta Regione Autonoma VdA; S.A.V.; R.A.V.: Dimezzare il pedaggio delle autostrade valdostane gestite dalle società S.A.V. e R.A.V., in modo da riportarlo ai livelli delle altre autostrade italiane". Unisciti con Pendolari Stanchi VdA ed 1.833 sostenitori più oggi.