regolamentazione per il fumo negli spazi aperti

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.500.


Non devono essere i non fumatori a subire le conseguenze negative causate dalla libertà dei fumatori, chi sceglie di non fumare deve essere tutelato.

Chiediamo la regolamentazione dell'uso delle sigarette negli spazi aperti, sono tante infatti le situazioni quotidiane durante le quali i non fumatori sono obbligati a respirare il fumo passivo di altri abitatori degli spazi pubblici, pena risultare quantomeno scortesi o inopportuni se si dovesse esprimere disappunto.

Le zone areate all'interno delle quali i non fumatori subiscono il fumo passivo sono quelle dove la concentrazione umana è elevata (esempio: marciapiedi; tratti di strada comuni etc.) oppure quelle necessarie allo svolgimento di una certa attività (esempio: fermate di bus, tram; ingressi; zone aperte di bar o ristoranti etc.)

L'esempio a cui tendiamo è quello giapponese, nelle strade nipponiche è infatti proibito fumare in libertà (http://www.ilgiornale.it/news/mondo/niente-sigarette-strade-giappone-1430849.html

Il disagio del non fumatore deriva dal fatto che, pur trattandosi di zone aperte, il fumo passivo non ha modo di dissolversi rapidamente senza prima essere respirato da chi non ne aveva intenzione e si è trovato nelle vicinanze. 



Oggi: Luca conta su di te

Luca Pirisi ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "ministero della salute: regolamentazione per il fumo negli spazi aperti". Unisciti con Luca ed 1.153 sostenitori più oggi.