LIBERIAMO LA SPIAGGIA DI PUNTA PENNA DALLE INDUSTRIE!!!

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.


SALVE, MI CHIAMO DANIELA E VIVO A VASTO (CH) DA MOLTI ANNI. QUESTA CITTADINA SI AFFACCIA SUL MARE E VANTA UNA DELLE SPIAGGE PIU' BELLE D'ITALIA: PUNTA PENNA. LA SPIAGGIA E' MOLTO APPREZZATA ANCHE OLTRE I NOSTRI CONFINI NAZIONALI E DIVERSI SONO STATI GLI ARTICOLI CHE L'HANNO RIGUARDATA (DAILY TELEGRAPH, SOLE 24ORE, LA REPUBBLICA, PER CITARNE ALCUNI). ADIACENTE, SI TROVA ANCHE UN'OASI WWF, PUNTA ADERCI E SEMBRA ANCHE CHE, IN ZONA, ESISTANO VESTIGIA ROMANE DA RIPORTARE ALLA LUCE.

ORA, SI RISCHIA FORTEMENTE DI NON POTERNE PIU' GODERE: LE VARIE AMMINISTRAZIONI COMUNALI (A PRESCINDERE DAL COLORE POLITICO) ANZICHE' POTENZIARE LA VOCAZIONE NATURALMENTE TURISTICA DI QUESTA ZONA, SEMBRA INVECE CHE SI ACCANISCANO CONTRO DI ESSA. QUI ESISTE INFATTI UN NUCLEO INDUSTRIALE (!!!) CHE POSSO SOLO DEFINIRE ALLUCINANTE: C'E' UN'INDUSTRIA CHE PRODUCE CONCIMI CHIMICI (MANDATA VIA TANTI ANNI FA DALLA REGIONE TOSCANA) CHE INVECE DI ESSERE LIMITATA O CHIUSA, NEL TEMPO SI E' ADDIRITTURA ESPANSA. IN PARTICOLARI MOMENTI, LE ESALAZIONI CHE NE FUORIESCONO, MOLTO PUZZOLENTI E POTENZIALMENTE TOSSICHE, SI RIVERSANO IN TUTTO IL CIRCONDARIO E RENDONO IMPOSSIBILE LA PERMANENZA IN SPIAGGIA MA ANCHE E MAGGIORMENTE LA NORMALE VITA DEI RESIDENTI. NON E' FINITA: C'E' ANCHE UNO STABILIMENTO, SUL MARE, COLLEGATO ALL'INDUSTRIA PETROLIFERA E VI LASCIO SOLO IMMAGINARE I RESIDUI E LE SCORIE INQUINANTI CHE RILASCIA. ANCORA, DA POCO HANNO ANCHE AUTORIZZATO L'ATTIVITA' DI UN CEMENTIFICIO, DESTINATA AD ESSERE AMPLIATA... SI, SI E' MANIFESTATO CONTRO QUESTO STATO DI COSE MA, NEI FATTI, IL DISSENSO NON HA AVUTO ALCUNA CONSEGUENZA. DULCIS IN FUNDO, A NORD DELLA RISERVA C'E' IL PROBLEMA DEGLI SCARICHI PROVENIENTI DAL SUPERCARCERE, IL CUI IMPIANTO DI DEPURAZIONE CREA PROBLEMI DA ANNI.

IMBARAZZANTE NOTARE CHE NESSUNA AMMINISTRAZIONE LOCALE ABBIA PRESO UNA POSIZIONE NETTA CONTRO QUESTE INSTALLAZIONI INDUSTRIALI E, SE NON FA NIENTE IL COMUNE, FIGURARSI PROVINCIA E REGIONE!

VASTO HA IL MARE, GLI ULIVETI E LE VIGNE E, NON SO VOI, MA IO NON VEDO LA MINIMA COMPATIBILITA' TRA QUESTE BELLEZZE NATURALI E COLTIVAZIONI TIPICHE CON QUESTO GENERE DI ATTIVITA'... NON SO GLI INTERESSI CHE CI SONO DIETRO, IO VOGLIO SOLO LANCIARE QUESTO APPELLO PER SENSIBILIZZARE TUTTI NOI NORMALI CITTADINI AD AGIRE E VIGILARE PER RIUSCIRE A TUTELARE UNO DEI PIU' BEI TRATTI DI COSTA DELL'ABRUZZO E D'ITALIA: SE CONOSCETE E AMATE PUNTA PENNA O SE, SEMPLICEMENTE, VORRESTE UN MARE CHE SA DI MARE, ADERITE A QUESTA PETIZIONE PER CHIEDERE DIRETTAMENTE AL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE  AFFINCHE' VENGA INVERTITA QUESTA PERVERSA E INSANA ROTTA CHE TENDE A TRASFORMARE I PARADISI IN DISCARICHE E A GIOCARE IMPUNEMENTE CON LA SALUTE DELLA POPOLAZIONE TUTTA. SI POTENZINO PIUTTOSTO LE ATTIVITA' LEGATE AL TURISMO E ALLA PRODUZIONE DI CIBO DI QUALITA', LE CONDIZIONI CI SONO TUTTE...

MINISTRO COSTA, INTERVENGA PRESTO E CON DECISIONE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO ITALIANO E DEL BENESSERE DI NOI CITTADINI CHE QUI VIVIAMO!!!!



Oggi: daniela conta su di te

daniela scatena ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE: LIBERIAMO LA SPIAGGIA DI PUNTA PENNA DALLE INDUSTRIE!!!". Unisciti con daniela ed 57 sostenitori più oggi.