PETIZIONE CHIUSA

Tso illegali, sequestri e corruzione: giustizia contro la asl 2 che rovina i più deboli.

Questa petizione aveva 109 sostenitori


Mi chiamo Giampiero, ho 47 anni ed abito a Torino. Nel 2004, vengono a vivere sopra casa mia, in cui abito con la mia famiglia, dei nuovi vicini, aggressivi ed intimidatori, che iniziano una guerra condominiale che continua tuttora, in particolare nei miei confronti, reo di averli affrontati e di avergli ricordato le Regole condominia dopo l'ennesimo caso di rumori molesti notturni. In questo modo mi vengono drasticamente ridotte le ore le possibilità di riposo, causandomi un forte stress. Per trovare una facile soluzione alla situazione di agitazione che si crea in casa, la mia famiglia, con cui ho da semper avuto rapporto problematico, ora anche intimidita dall'atteggiamento di questi vicini, Mia zona, che questi continui rumori e vessazioni, a cui loro assistono quotidianamente, sono frutto della mia fantasia, facendomi così avere una diagnosi psatiatrica errata di disturbi paranoici, a cui sono seguiti 12 trattamenti sanitari obbligatori illegali e, cosa ancora più grave, 4 Sequestri di persona in comunità psiiatriche in cui non avevo alcun obbligo di stare, per un totale di quasi 6 anni della mia vita. Perchè i tso siano regolari, sono infatti richieste 3 condizioni ben precise, che devono presentarsi contemporaneamente, e venire certificate da 2 medici:

1 - la persona si deve trovare in una situazione di alterazione tale da necessitare urgenti interventi terapeutici.
2 - gli interventi proposti devono venire rifiutati.
3 - non deve essere possibile adottare tempestive misure extraospedaliere.
Essendo già falsa de diagnosi di base, non sussistevano neanche le altre condizioni, poichè io ero semper lucido e perfettamente in grado di esprimere la mia volontà come lo sono semper stato; Diverse volte sono stato preso nel sonno, mi svegliavo infatti e trovavo il letto circondato da medici e forte dell'ordine, che dietro le insistenze della mia famiglia, senza ascoltar ragione mi portavano via per il tso.

Dopo un primo ricovero fidandosi delle .dichiarazioni dei miei, lo psichiatra dell'epoca si è comunque reso conto dell'errata diagnosi, ma vista la mia impossibilità a difendermi adeguatamente in sede legale, avendo a case della privazione del sonno e della stanchezza perso anche Il lavoro che a fatica ero riuscito a trovare, dietro l'insistenza della mia famiglia i ricoveri si susseguono inarrestabili; Quando questo primo medico viene trasferito ad un altro ambulatorio, vengo poi affidato ad una seconda dottoressa, che a fronte delle mie minacce di denunce e rivalse legali mi raddoppia la dose dei farmaci, già estremamente problematica, rendendomi quindi difficile anche alzarmi dal letto e svolgere Qualunque normale attività. Into the questo tempo, mi sono stati da farmaci non richiesti e non necessari, a case dei quali non riesco più a lavorare, ho la salute rovinata, mi stanco per qualunque cosa faccio. Sia il mio medico di base, sia uno psicoatra, hanno ammesso che i danni provocati da questi psicofarmaci, della categoria dei neurolettici, sono permanenti

Va notato che prima dell'arrivo di questi vicini, nel mio palazzo regnava la pace e la serenità, ma da allora si sono succeduti continui interventi delle forze dell'ordine. Prima avevo una normale e piacevole vita sociale, ora a causa di questa situazione ho perso il lavoro, quasi tutti gli amici che avevo e sono ancora a rischio tso o peggio. La asl 2 di Torino è tristemente famosa per il caso di Andrea Soldi; è stato inoltre accertato che vanta un numero di tso effettuati quadruplo rispetto a quello della 1, l'altra asl di Torino. La legge non mi rende nessuna giustizia, le mie denunce vengono ignorate; sono invisibile e senza voce. A prova di tutto questo, sono riuscito a realizzare diversi video e registrazioni che documentano chiaramente queste irregolarità, che sono stato costretto a diffondere pubblicamente per cercare di tutelarmi da nuovi abusi. Chiedo di avere attenzione, giustizia ed un giusto risarcimento per questo, e che vengano indagati i medici responsabili del mio annullamento come persona, ma soprattutto che si sappia la verità, perchè anche altri con storie simili a questa possano beneficiarne. Quello che è successo a me, può infatti succedere (e purtroppo succede, l'uso del tso per risolvere problemi di tutt'altra natura è ormai ampiamente documentato da diversi altri casi di cronaca) ad altri; citando da varie fonti:
"L'11 gennaio 2008 il T.S.O. è toccato a F. B., 72 anni, invalido al 100%, durante lo sfratto, o meglio
l’esproprio della sua casa di Scandicci sulla quale dovrà passare la terza
corsia dell’autostrada. Dopo il reparto, all’uomo è stato riservata una camera in
albergo, la promessa di un indennizzo, ma solo la promessa, e dei soldi per
una nuova casa che corrispondono a circa un terzo del valore di quella abbattuta. (da "Italiani da slegare", Nunzia Manicardi, ed. Koinè)
o anche, il 28 ottobre del 2015 a Cosenza: "Denuncia la segreteria del sindaco per assenteismo e si ritrova ricoverato in psichiatria" (dal sito Quicosenza.it)
ed ancora a Torino: "Lite tra vicini, una coppia finisce ingiustamente in Tso. E ora chiede i danni all'Asl" (da Repubblica del 17 aprile 2016).
Questi non sono che alcuni tra tutti i casi, quelli che riescono ad emergere grazie anche all'aiuto degli organi di informazione o di avvocati, per chi se li può permettere. Nel corso di questa drammatica vicenda, ho incontrato infatti altre persone con casi simili al mio, in ricoveri o sequestrati come me in comunità in cui non avevano l'obbligo legale di stare, ma tenutici a forza con minacce, farmaci e altri tso, sempre sotto la responsabilità della asl 2. Per chi osserva tutto questo da fuori, può apparire forse facile risolvere una situazione che è chiaramente irregolare ed illegale, ma in realtà si rimane invischiati in una ragnatela letale da cui risulta estremamente difficile liberarsi, e che lascia comunque, anche a vicenda conclusa dei segni profondissimi ed indelebili, nel corpo e nella psiche. Senza contare tutti i casi di decesso, al di là della liceità del tso o meno, il più celebre dei quali rimane quello di Francesco Mastrogiovanni, che illustrano certi metodi di certa psichiatria. Col nuovo decreto di salute mentale, il quinto, ora possono venire considerati disturbi mentali anche la balbuzie (disturbo della fluenza, tra i disturbi della comunicazione), l'abbuffarsi di cibo (disturbo da alimentazione incontrollata), la tristezza per essere stati abbandonati dalla persona amata o per la morte di un compagno, o anche di un animale domestico a cui si era affezionati (depressione minore); credo che sia importante tutelarci tutti da questo, quando subentra la discrezione di psichiatri corrotti e mossi esclusivamente dal guadagno e dal potere, al di fuori di ogni controllo.

Ringrazio chiunque si interessi a questa vicenda ed abbia letto questo resoconto.



Oggi: Giampietro conta su di te

Giampietro Decicco ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Ministero affari penali: Tso illegali, sequestri e corruzione: giustizia contro la asl 2 che rovina i più deboli.". Unisciti con Giampietro ed 108 sostenitori più oggi.