Vittoria

Salviamo la Scuola Media Tommaso Fiore da un accorpamento ingiusto e lesivo!

Questa petizione ha creato un cambiamento con 1.195 sostenitori!


Questa lettera nasce dal desiderio di noi genitori della Scuola Media Tommaso Fiore di esprimere i nostri sentimenti e le nostre ragioni in questo momento di grande sconforto e agitazione nell’unirci alla richiesta del nostro Consiglio di Istituto e dei nostri docenti di rivedere la decisione presa. Il 17 dicembre u.s infatti la Giunta Comunale ha deliberato la richiesta di accorpamento orizzontale della Scuola media Tommaso Fiore del Circolo di Poggiofranco con la Scuola media Amedeo D’aosta del circolo di Japigia contravvenendo alle Delibera Regionale DGR2432 del 30/12/2019 nella quale erano stati approvati gli accorpamenti verticali della Scuola Media Tommaso Fiore con la scuola elementare Tauro e della Scuola media Amedeo d’Aosta con la elementare Don Orione.

Questa proposta di modifica ha lasciato genitori e docenti della Scuola Fiore senza parole dato che il nostro Consiglio di Istituto aveva espresso ufficialmente la volontà di confermare quanto previsto dalla delibera regionale aprendosi anche ad un eventuale accorpamento con la Scuola elementare Carrante con la quale abbiamo una collaborazione pluridecennale.

Il sentimento che   circola fra di noi in queste ore è di grande sconforto e anche di rabbia perché stiamo vedendo la nostra scuola precipitare anno dopo anno. Negli ultimi anni infatti abbiamo subìto un forte calo delle iscrizioni dovuto principalmente ad una gestione che l’ha depauperata perché, nonostante la forte unione e collaborazione tra genitori e docenti, c’è stata un’alternanza di dirigenze e reggenze che a volte ci ha aiutato ed altre no e che ha causato un calo dell’opinione positiva di cui la scuola ha goduto per 50 anni e più.

La Tommaso Fiore fa parte di un quartiere in crescita, un quartiere nel quale il senso di appartenenza e di identità è fortissimo nonostante sia in una zona di espansione della nostra città, un quartiere in cui ci sono molte famiglie giovani in cui entrambi i genitori lavorano e in cui la collaborazione familiare gioca un ruolo importantissimo nella gestione dei figli.  Molti di noi genitori hanno frequentato questa scuola da studenti e hanno iscritto i propri figli con orgoglio.

Da molti anni si parla dell’unione con le due scuole che abbiamo accanto e con le quali collaboriamo da sempre. Il nostro plesso si trova infatti in mezzo alla King, scuola dell’infanzia, ed alla Tauro-Carrante, scuole elementari, e proprio per questo contatto così stretto è nata negli anni una continuità educativa molto importante e dalla quale è sempre sembrato naturale che sfociasse in una unione definitiva sotto la guida di un unico dirigente.

Negli anni questo importante “polo educativo” che sulla carta non ha ancora mai visto la conferma di questa unione sempre chiesta a gran voce anche da precedenti dirigenze, ha iniziato a svolgere un ruolo molto importante a livello socio-educativo per estendere e consolidare l’identità di un quartiere che è in continua crescita.  Numerosissime sono state le iniziative educative  trasversali fra le quattro scuole volte non solo alla didattica ma soprattutto alla crescita personale ed emotiva dei nostri figli che nel passaggio dalla scuola dell’infanzia alle elementari e poi alle medie non si sono mai sentiti snaturati ma accompagnati in una fase della loro crescita molto delicata. Li abbiamo accompagnati da piccolissimi alla King e li abbiamo visti crescere sempre nello stesso isolato, percorrendo gli stessi marciapiedi, incrociando volti conosciuti e per questo rassicuranti e, arrivati alle medie li abbiamo aiutati, insieme ai docenti, a diventare autonomi e ad iniziare a percorrere quelle strade, che ormai conoscevano a memoria, da soli, con i loro amici.

Abbiamo vissuto questa emergenza Covid con un senso di collaborazione, unicità di azione e compattezza con i nostri docenti per permettere alla scuola di continuare il suo percorso nonostante tutti questi ostacoli, siamo stati tutti insieme presenti fino a notte inoltrata, di sabato e di domenica, a posizionare i banchi nelle aule in una crudele corsa contro il tempo per permettere ai nostri figli di tornare in presenza e ai nostri docenti di mantenere la forza di continuare in questo momento in cui ogni certezza viene brutalmente azzerata in nome di parametri spersonalizzanti.

Questo accorpamento orizzontale con l’Amedeo D’aosta è da noi contestato non certo perché ci siano delle preclusioni verso docenti sicuramente validissimi e genitori altrettanto uniti, ma perché permettere questa unione significherebbe di fatto andare a minare due situazioni precarie suggellandone la decadenza, almeno nei primissimi anni. Siamo due scuole in reggenza che se fossero unite entrambe alle rispettive scuole elementari attigue (Don Orione; Tauro-Carrante) come prevede i Piano Regionale, sarebbero sicuramente aiutate a riconsolidare ciò che le logiche dei “numeri” hanno negli ultimi anni minato.

Questa unione non richiesta da nessuna delle due scuole e assolutamente non motivata creerebbe una divisione delle cattedre che sarebbe devastante non solo logisticamente ma anche funzionalmente, soprattutto in un momento storico in cui il contatto fisico è impedito e quindi sarebbe davvero impossibile poter costruire nuove identità. Molti studenti, soprattutto delle prime classi, penserebbero di cambiare istituto e anche molti docenti sarebbero costretti a ripensare alla loro posizione dato che insegnare in due scuole così distanti costituirebbe per molti un serio problema  logistico.

Come genitori, abitanti del quartiere, lavoratori, chiediamo di non permettere questa ulteriore disgregazione, di non permettere che questa decisione basata solo su logiche manageriali vada ad indebolire due realtà che ben funzionano al loro interno e che stanno lottando per continuare nel loro ruolo. Come genitori chiediamo che sia favorito l’accorpamento verticale che funziona sicuramente meglio e che di fatto non andrebbe ad azzerare nulla in nessuno dei due quartieri.

Ci appelliamo quindi a chi deve prendere delle decisioni importanti per la vita e la crescita delle nostre famiglie.



Oggi: Genitori della Scuole Media Tommaso Fiore di Bari conta su di te

Genitori della Scuole Media Tommaso Fiore di Bari ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Michele Emiliano: Salviamo la Scuola Media Tommaso Fiore da un accorpamento ingiusto e lesivo!". Unisciti con Genitori della Scuole Media Tommaso Fiore di Bari ed 1.194 sostenitori più oggi.