Puglia per lo sport

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.500.


PUGLIA NELLO SPORT
In riferimento ALL’ORDINAZA DEL 1 MARZO 2020 E DELL’ORDINANZA SUCCESSIVA DEL 4 MARZO 2020 DEL DPCM ED ALL’ EMERGENZA SANITARIA COVID-19 che sta riguardando il nostro Paese, per quanto riguarda la sospensione di tutte le ATTIVITA’ SPORTIVE, alcune associazioni sportive e professionisti del settore, con attività nella regione PUGLIA , sono in costante contatto tra di loro per poter mettere in luce delle problematiche che oggi gravano sulla nostra situazione SOCIO. ECONOMICA.
Ci rendiamo conto che la nostra “ CATEGORIA” rispetto ad altre realtà ( centri estetici, bar, ristoranti, pub, parrucchieri ecc.) è stata pesantemente messa in ginocchio dalle ordinanze emesse in questi giorni.
Bisogna sottolineare , inoltre, che nessuno di noi è qui per criticare l’obbligatoria chiusura delle nostre sedi/attività, perché capiamo l’emergenza sanitaria in atto, ma ci siamo resi conto che il settore sport è stato congelato come se fossimo tutti in ZONA ROSSA.
Molte attività si trovano nella ZONA GIALLA, per cui anche se si devono seguire le ordinanze della zona rossa, non ci vengono fornite le sovvenzioni e gli aiuti economici come per quest’ultima.
CHIEDIAMO CHE IL GOVERNO SI FACCIA PROMOTORE DI AZIONI CHE AIUTINO LE NOSTRE REALTA’IN UN MOMENTO DI COMPLETA CRISI.
CHIEDIAMO NELLO SPECIFICO CHE:
1. VENGA ISTITUITO PRESSO IL MINISTERO DELL’ ECONOMIA E DELLE FINANZE UN “ FONDO UTENZE” PER SOSTENERE LA RIPRESA ECONOMICA PER GLI IMPIANTI SPORTIVI.
2. VENGA RIDOTTO O SOSPESO IL PAGAMENTO DEI CANONI PER L’IMPIANTISTICA PUBBLICA E PRIVATA.
3. VENGA ISTITUITO PRESSO LA SPORT SALUTE S.P.A UN FONDO PER RISARCIRE I COSTI SOSTENUTI PER LA COPERTURA ASSICURATIVA PER TESERATI ( POLIZA INFORTUNI, POLIZA RCT) DA PARTE DELLE SOCIETA’ ISCRITTE AL REGISTRO NAZIONALI CONI, NEL PERIODO D’EMERGENZA.
4. VENGA RIDOTTO IMMEDIATAMENTE E DIRETTAMENTE IN BOLLETTA, PER ASSOCIAZIONI ED IMPRESE CHE GESTISCONO PALESTRE, IMPIANTI SPORTIVI, E NATATORI DI PARTE DELLE ACCISE/TASSE IN MISURA CONGRUA A SUPPORTARE IL MOMENTO CRITICO E LA SUCCESSIVA RIPRESA.

5.VENGANO SOSPESI I CANONI TARI E TASI PER LE SEDI SPORTIVE E LA SOPSENSIONE DEGLI OBBLIGHI FISCALI ANCHE PER I DETENTORI DI PARTITA IVA E NON.
6.CHIEDIAMO UNA SOVVENZIONE DI UN MINIMO MENSILE PER TUTTI I DETENTORI DI PARTITA IVA E NON CHE LAVORANO IN QUESTO SETTORE E PER I QUALI QUESTO RAPPRESNTI L’UNICA FONTE DI REDDITO DIMOSTRATO (ISTRUTTORI, INSEGNATI, MAESTRI).
7.VENGANO SOSPESI I MUTUI DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DEI SOGGETTI ELENCATI NEL PUNTO 6.
8.CHIEDIAMO LA SOSPENSIONE DI TUTTE LE ATTIVITA’ SPORTIVE, NON SOLO PER I DILETTANTI MA ANCHE PER I PROFESSIONISTI E GLI AGONISTI, IN QUANTO NON CAPIAMO QUALE SIA LA DIFFERENZA VISTO CHE IL COVID-19 PUO’ CONTAGIARE TUTTI.
9.CHIEDIAMO LA SPIEGAZIONE DEL PERCHE’ ALTRI SETTORI NON SIANO STATI CHIUSI COME LE ATTIVIA’ SPORTIVE , ANCHE SE PREVEDONO UN PALESE CONTATTO FISICO O RAVVICINATO PER TANTO VORREMMO CHE LE REGOLE DA APPLICARE SIANO UGUALI PER TUTTI.


In allegato troverete la raccolta dei dati e delle firme di tutti coloro che spontaneamente hanno deciso di portare alla luce quanto è emerso.
Certi di una Vostra presa di carico in merito ai punti sopra citati, attendiamo risposte e soluzioni celeri.
Distinti Saluti
PUGLIA NELLO SPORT

puglianellosport@libero.it