In difesa del patrimonio storico artistico italiano e di chi ogni giorno lo protegge

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


Da oltre 13 anni il Mibact deve provvedere al riconoscimento della qualifica di restauratore. Nel frattempo, 20mila operatori hanno continuato e continuano a salvaguardare l'immenso patrimonio monumentale, storico e artistico del paese senza possedere l'attestazione formale della loro qualifica. La conseguenza di ciò è che questi lavoratori sono esposti a contratti al ribasso, alla precarietà, al ricatto.

Nel 2015 finalmente si sono avviate le procedure con un bando pubblico, i restauratori hanno quindi consegnato le loro domande ed il Mibact ha costituito la Commissione esaminatrice.

Da allora sono passati due anni ed in questi giorni il Ministero ha concesso l'ennesima proroga ai tempi di lavoro della Commissione

Le chiediamo, Signor Ministro: perchè questi ritardi? Perchè la Commissione non ha rispettato i tempi stabiliti dal Mibact? Chi doveva controllare il regolare svolgimento dell'esame delle domande?

E soprattutto: perchè, per le lentezze della macchina ministeriale e per la tracotanza davvero spiacevole di chi pensa di non dover dare risposte e spiegazioni a nessuno, debbono andarci di mezzo le lavoratrici ed i lavoratori, pagandone le spese sulla propria pelle?

 



Oggi: Federico conta su di te

Federico Moglioni ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Mibact: In difesa del patrimonio storico artistico italiano e di chi ogni giorno lo protegge". Unisciti con Federico ed 582 sostenitori più oggi.