Meno instore, più caffè letterari

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.


E se, anziché i classici instore, potessimo incontrare Ermal in modo diverso? L'idea nasce proprio durante uno dei vari instore: non sarebbe meraviglioso avere più tempo per parlare ed ascoltare il nostro artista preferito? Da qui, abbiamo preso ispirazione dai caffè letterari. Potremmo organizzare degli incontri, proprio come si soleva fare in passato, dove parlare per un periodo di tempo a scelta di temi differenti (nel nostro caso la musica sarebbe sicuramente il principale). Il tutto avverrebbe in gruppi (capienza sempre a scelta), e il pass per entrare potrebbe essere il cd (così da mantenere in qualche modo il concetto di instore). Sarebbe un po' come fare un raduno, ma più piccolo e concentrato! È un'idea astratta, ma potrebbe incontrare una dimensione reale, vi va di sostenerla?



Oggi: Ludovica conta su di te

Ludovica Santarelli ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Mescal: Meno instore, più caffè letterari". Unisciti con Ludovica ed 42 sostenitori più oggi.