Giustizia fiscale su Fondi Comuni e Sicav! Compensare direttamente le minusvalenze fiscali

Recent news

Così non basta. Dobbiamo alzare l'asticella.

La petizione per ritornare al sistema fiscale vigente sul gestito precedente al 2011, quando all'interno delle Sicav della stessa società di gestione si potevano comodamente (per noi) ed efficientemente (per i clienti) compensare le plus/minus è partita bene, ma stenta a decollare. Mi sarei stupito del contrario. In Italia gli unici che sanno di cosa stiamo parlando siamo noi consulenti finanziari. Ho scritto su Twitter e Linkedin a giornalisti economici e deputati/senatori di tutte le marche e i modelli, ma hanno altro a cui pensare. Ho lanciato un comunicato stampa a un notevole gruppo di reporter attraverso una piattaforma specializzata in questo: nessun risultato. Noi sappiamo bene che dietro quel piccolo cavillo si nascondono grandissimi interessi e una grandissima ingiustizia che paghiamo ogni giorno noi e soprattutto i nostri clienti. Sarò di vecchio stampo, ma io credo ancora nel valore sociale della nostra professione di Consulenti Finanziari, una professione che ha molti parallelismi con quella che ormai sta sparendo, del medico di famiglia. A volte dobbiamo fare battaglie solo perchè è giusto farle, se crediamo in quello che facciamo. Questa è una di quelle volte. Il governo del cambiamento, se si rivelerà tale, potrebbe essere un buon "momento di ingresso" per questo investimento sul nostro futuro. A qualcuno dei capoccioni della casta e delle elite non piacerà, va beh se ne farà una ragione. Nella vita esistono anche i valori e non solo la compiacenza interessata. Vi ricordo che, per chi non si può esporre, si può firmare anche in forma anonima. Basta un click, basta poco. Se ognuno di noi fa firmare tre clienti finiamo tutti sui giornali. Io su Citywire riprenderò il tema, fatelo anche voi sui social e i vostri blog. Dobbiamo correggere questa stortura interessata del Testo Unico della Finanza: dobbiamo essere consapevoli che è venuto il momento di dare vero valore aggiunto ai nostri clienti, anche se loro non ne sanno e non ne sapranno nulla. Non lo facciamo per gratitudine o perchè ci conviene, lo facciamo solo perché è quello che bisogna fare. Loro ci hanno dato la cosa più preziosa che avevano, quando noi ne avevamo bisogno; no, non i soldi. La loro fiducia. Non meritano di essere ripagati per questo? Firmate e fate firmare ad almeno tre persone (via Facebook, come vi pare) questa petizione. Ricominciamo qualche volta a dire: NO.

Piermario Piccardo
3 years ago