INCENERITORE: chiedi al Sindaco di Mantova di fermarlo con una prescrizione!

0 hanno firmato. Arriviamo a 5.000.


Egregio Sindaco di Mantova Mattia Palazzi,

posto che l’attività di incenerimento chiesta dall'imprenditore Zago risulta tuttora non autorizzata, nella Conferenza di Servizi convocata per il 30.05.2017 Lei, Sindaco Palazzi, potrà ancora fermare l'inceneritore (l'inceneritore sia chiaro, non la Cartiera, alla cui ripartenza nessuno si oppone), dimostrando così di voler salvaguardare la salute dei mantovani .

Ai sensi dell'art. 29 quater, comma 7 del D.lgs. 152/06, come Sindaco, Lei potrà dettare delle prescrizioni. Potrà farlo presentando in detta Conferenza di Servizi le prescrizioni di cui agli articoli 216 e 217 del Regio Decreto 27 luglio 1934 n.1265 (tuttora vigenti, riportati in calce alla presente ***) secondo i quali gli inceneritori devono essere isolati nelle campagne e tenuti lontani dai centri abitati.

Le ricordiamo che la collocazione dell'inceneritore di cui Zago chiede l'attivazione è situato a 200 metri da una scuola materna e a 500 metri da scuole elementari, a 1500 metri dal centro storico di Mantova nonché a ridosso dei quartieri di Cittadella, Ponte Rosso, Gambarara e Colle Aperto, ovvero all'interno di aree densamente popolate.

Peraltro la VIS, da Lei espressamente richiesta e illustrata magistralmente alla cittadinanza dal Dr. Ricci, così conclude: “La popolazione esposta all’inceneritore, prendendo a base l’area di ricaduta dichiarata dallo stesso imprenditore, è già oggi vittima di uno “svantaggio di salute nel confronto con quella limitrofa”… “già i dati sanitari assodati scientificamente dalla prima parte dell’indagine sono sufficienti per esprimere fondatamente un parere sfavorevole all’impianto.”.

Confidiamo nel Suo doveroso e necessario intervento affinché siano realmente, di fatto e non solo in parole, sanciti il diritto alla salute dei mantovani e il diritto al lavoro.

-------------------------------------------------------------------------------

*** Regio decreto 27 luglio 1934, n. 1265

Testo unico delle leggi sanitarie

Art. 216 - Le manifatture o fabbriche che producono vapori, gas o altre esalazioni insalubri o che possono riuscire in altro modo pericolose alla salute de gli abitanti sono indicate in un elenco diviso in due classi.
La prima classe comprende quelle che DEBBONO ESSERE ISOLATE NELLE CAMPAGNE E TENUTE LONTANE DALLE ABITAZIONI; la seconda, quelle che esigono speciali cautele per la incolumità del vicinato.

Art. 217 - Quando vapori, gas o altre esalazioni, scoli di acque, rifiuti solidi o liquidi provenienti da manifatture o fabbriche, possono riuscire di pericolo o di danno per la salute pubblica, il podestà prescrive le norme da applicare per prevenire o impedire il danno o il pericolo e si assicura della loro esecuzione ed efficienza. Nel caso di inadempimento il podestà può provvedere di ufficio nei modi e termini stabiliti nel testo unico della legge comunale e provinciale.

Decreto Ministeriale 5 settembre 1994

ELENCO DELLE INDUSTRIE INSALUBRI DI CUI ALL'ART. 216 DEL TESTO UNICO DELLE LEGGI SANITARIE

Vedi  Allegato - Parte I - Industrie di prima classe. Lettera C, punto 14: INCENERITORI

 



Oggi: INSIEME PER LA SALUTE A MANTOVA CON GLORIA COSTANI conta su di te

INSIEME PER LA SALUTE A MANTOVA CON GLORIA COSTANI ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Mattia Palazzi: INCENERITORE: chiedi al Sindaco di Mantova di fermarlo con una prescrizione!". Unisciti con INSIEME PER LA SALUTE A MANTOVA CON GLORIA COSTANI ed 2.702 sostenitori più oggi.