Una scorta per Nino Cento

0 hanno firmato. Arriviamo a 35.000.


Il 4 Dicembre lo Stato ha revocato la scorta a Nino Cento, che ha denunciato la 'Ndrangheta, ma che poi è stato lasciato solo ed in costante pericolo di essere ucciso.

Nino è testimone di giustizia e viveva sotto scorta dal 2016, quando anche grazie alle sue dichiarazioni la Procura antimafia di Reggio Calabria aveva fatto scattare una maxi operazione denominata “Alchemia” che ha riguardato i clan di Cittanova Raso, Albanese e Gullace. Il processo scaturito dall’operazione “Alchemia” è tutt’ora in corso davanti al collegio del Tribunale di Palmi.
Nino Cento coordina una cooperativa che gestisce dei terreni del Comune di Cittanova sull’Aspromonte e aveva denunciato i clan che pretendevano di imporgli il pizzo per poter gestire e lavorare il terreno.

Chiediamo al Ministro dell'Interno e al Prefetto di Reggio Calabria che sia ripristinata la scorta per Nino.


Vuoi condividere questa petizione?