Sì alla scorta del capitano Ultimo: “la mafia non uccide solo d’estate”.

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


Dal 3 settembre al capitano Ultimo, Sergio De Caprio, che arrestò nel 1993 Totó Riina, verrà tolta la scorta. Una decisione presa dalla prefettura che ufficialmente comunica che:  “Per opportuna notizia e per gli adempimenti di competenza, si informa che, in adesione alla proposta formulata in esito alla riunione di coordinamento delle forze di polizia, tenutasi il 31 scorso luglio, l’ufficio Centrale Interforze per la Sicurezza Personale ha disposto la revoca della misura di tutela su auto non protetta (quarto livello di rischio) già svolta a protezione del colonnello Sergio De Caprio”. E quindi si invita a “disporre la dismissione del predetto servizio tutorio con decorrenza dal 3 settembre, dando assicurazione a questo ufficio in ordine alla effettiva cessazione del servizio”. 

In un Paese in cui i direttori di La Stampa, La Repubblica, Libero e Il Giornale, Bruno Vespa, la Boschi, Gasparri hanno “diritto” alla scorta solo per difendersi dalle conseguenze delle idiozie che scrivono, questa è una VERGOGNA! 

Chiedo al Ministro dell’Interno Salvini, al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, al Vicepresidente del Consiglio Luigi Di Maio e al Presidente della Camera Roberto Fico di fare in modo che questa scellerata decisione della prefettura venga rivalutata e ribaltata in nome della giustizia e del rispetto per chi ha combattuto veramente la Mafia.



Oggi: Niccolò conta su di te

Niccolò Monti ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Matteo Salvini: Sì alla scorta del capitano Ultimo: “la mafia non uccide solo d’estate”.". Unisciti con Niccolò ed 841 sostenitori più oggi.