Migliorare il Jobs Act con Pietro Ichino

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.


Caro Matteo,

Il percorso che ha portato alla creazione di nuovi posti di lavoro negli ultimi anni è il frutto di molteplici azioni, ma la principale è la riforma del diritto del lavoro.

Il Jobs Act non solo va difeso, ma va completato in particolare implementando quella parte della riforma che riguarda i servizi al mercato del lavoro, affinché la flessibilità sia nel passaggio da un lavoro ad un altro e non si traduca in un'uscita semplificata dal mondo del lavoro. Così come è necessario introdurre forme nuove e continue di formazione, come l'alternanza lavoro-scuola-lavoro, ovvero un ammortizzatore sociale che integri il contratto di solidarietà con l'acquisizione di nuove competenze.

Dobbiamo far ripartire l'ascensore sociale, senza creare l'illusione del diritto al lavoro come una pretesa, ma come una reale possibilità: per questo occorre un sistema di rilevamento degli sbocchi occupazionali effettivi, sia per la formazione professionale finanziata dal pubblico sia per la formazione secondaria che universitaria e aiutare meglio le generazioni più giovani ad orientarsi.

Inoltre, dobbiamo difendere l'abolizione dell'art.18 che ha tolto (finalmente) la competenza delle relazioni industriali dai giudici e dagli avvocati per darle alle parti sociali, contribuendo a ridurre drasticamente i contenziosi giudiziali nel settore privato, senza (e questo è un aspetto fondamentale) innescare alcun aumento della frequenza dei licenziamenti rispetto al numero di rapporti di lavoro.

Dobbiamo continuare il percorso intrapreso, riducendo lo spread che ci separa dagli altri paesi europei, creando le migliori condizioni possibili per creare nuovi posti di lavoro, semplificando la normativa, rendendola facilmente leggibile agli occhi degli investitori stranieri.

Occorre quindi uscire dalla visione congiunturale delle politiche del lavoro e per farlo occorrono in sede legislativa persone di marcata esperienza: per questo motivo, Matteo ritengo importante che tu convinca il prof. Pietro Ichino a ricandidarsi alle imminenti elezioni politiche.

Con stima
Gianmarco Gabrieli

 



Oggi: Gianmarco conta su di te

Gianmarco Gabrieli ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Matteo Renzi: ricandidatura del Prof. Pietro Ichino". Unisciti con Gianmarco ed 33 sostenitori più oggi.