Modernizziamo l'Italia per la prossima generazione

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.


L'Italia così com'è è un paese a misura di ladri e di mantenuti dallo Stato. Chi vive e lavora all'estero in paesi moderni ed efficienti lo sa bene. La presente generazione di Italiani non ha voluto cambiare al referendum del 2016 per paura di perdere i pochi provilegi e spazi di furbizia conquistati finora, senza curarsi del destino dei propri figli e nipoti. Se non cominciamo a pensare ora ad una seria modernizzazione del paese le prossime generazioni pagheranno un prezzo salatissimo. Occorre un nuovo partito che cominci a lavorare oggi per trasformare l'Italia in un paese moderno, europeista, con un'economia efficiente e servizi che funzionano. Occorre puntare con chiarezza ad obbiettivi di lungo termine per i prossimi 15 anni: Europa federale, economia liberalizzata in un quadro di regole semplici e applicabili, abolizione di caste e privilegi (come la maggior parte degli ordini professionali, i baronati delle Università, i tassisti ecc.), responsabilizzazione dei cittadini a tutti i livelli (stesso trattamento per dipendenti pubblici e privati, licenziamento ed esclusione dall'impiego pubblico per i dipendenti e dirigenti pubblici infedeli, piena autonomia degli enti pubblici come scuola e sanità con controllo indipendente dei risultati e licenziamento dei responsabili inefficienti o corrotti). Occorre il coraggio di dichiarare chiaramente di voler modernizzare l'Italia sul modello dei migliori paesi europei e raccogliere oggi il consenso della minoranza degli Italiani che vogliono un paese moderno, e lavorare per raggiungere l'obbiettivo nel lungo termine, inclusa la riforma costituzionale per avere governi stabili nell'ambito di un sistema democratico parlamentare moderno. Il resto, al momento, è tempo perso.



Oggi: Gianni conta su di te

Gianni Angelini ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Matteo Renzi: Modernizziamo l'Italia per la prossima generazione". Unisciti con Gianni ed 13 sostenitori più oggi.