I patti prematrimoniali come rimedio alla mancanza di tutele in sede di divorzio

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.


I più recenti orientamenti giurisprudenziali della Cassazione hanno aperto la strada al venir meno dell'assegno divorzile a favore dell'ex coniuge. Se una simile iniziativa si sposa con la mutata realtà sociale che vede la donna sempre più attiva nel mondo del lavoro è altrettanto vero che una mamma che scelga, di comune accordo con il marito, di dedicarsi alla famiglia rinunciando alla propria carriera, rischia (anche a distanza di anni) di rimanere senza alcuna tutela. Ben venga, quindi, che il matrimonio non sia più considerato come un investimento patrimoniale, ma a questo punto è doveroso che il Parlamento consenta alle coppie che lo desiderino di poter concordare un patto prematrimoniale. Una donna, magari sessantenne e disoccupata abbandonata dal marito non può essere privata dall'oggi al domani del tenore di vita goduto sino a quel momento (ovviamente nei limiti delle condizioni economiche del nucleo familiare).



Oggi: Lorenzo conta su di te

Lorenzo Puglisi ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Matteo Renzi: I patti prematrimoniali come rimedio alla mancanza di tutele in sede di divorzio". Unisciti con Lorenzo ed 109 sostenitori più oggi.