Richiesta istituzione di una "Consulta per l'Ambiente" a Como

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.


Nella convinzione che la tutela dell’ambiente e la lotta contro i cambiamenti climatici sono attività che coinvolgono l’agire politico e non solo istituzionale, ritengo che il Comune di Como - che è anche capoluogo provinciale - non possa limitarsi all’introduzione di norme correttive e sanzionatorie, ma debba farsi promotore di azioni che possano aumentare la consapevolezza della cittadinanza e diffondere abitudini e comportamenti virtuosi. Per questi motivi La invito a fare la sua parte come sindaco della città di Como e le chiedo di:

Istituire una consulta comunale per l'Ambiente - come peraltro hanno già fatto numerosi altri Comuni italiani - ai sensi degli artt. 2-4-10 dello statuto del Comune di Como.

In particolare, ai sensi dell’art. 10, «Il Comune riconosce e valorizza le libere forme associative e del volontariato» anche nel settore ambientale, «assicurando ad esse la partecipazione attiva e garantendo l'accesso alle strutture e ai servizi comunali» e istituisce «consulte permanenti nel campo ambientale, turistico e culturale, sportivo, economico e sociale, il cui ruolo è di integrare e arricchire le proposte degli organi del Comune con l'apporto di competenze specifiche».

La Consulta per l’ambiente sarà tenuta a svolgere funzioni consultive e di orientamento rispetto all'attività dell'Amministrazione comunale in materia ambientale e contribuire all’informazione e sensibilizzazione della cittadinanza, stimolando il coinvolgimento di tutte le forze sociali ed economiche presenti sul territorio nella programmazione ed attuazione delle politiche locali ambientali.

Tra gli ambiti di discussione oggetto dell’attività della consulta ricordo essere:

- tutela e valorizzazione delle risorse naturali
- salvaguardia della biodiversità
- promozione, informazione e educazione ambientale
- mobilità sostenibile
- difesa del territorio e lotta al consumo di suolo
- esposizione all’inquinamento elettromagnetico e al gas radonì
- qualità dell’aria
- qualità dell’acqua e risparmio idrico
- inquinamento acustico
- valorizzazione delle fonti alternative e del risparmio energetico
- gestione dei rifiuti
- verde urbano e parchi