Caro prezzi metano auto: salviamo il diritto alla mobilità sostenibile.

PETIZIONE CHIUSA

Caro prezzi metano auto: salviamo il diritto alla mobilità sostenibile.

Questa petizione aveva 5.029 sostenitori
Federmetano, Assogasmetano e Assopetroli-Assoenergia ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Mario Draghi (Presidente del Consiglio dei Ministri) e a

Da ottobre l’aumento vertiginoso del costo del gas naturale sta colpendo senza sosta tutti noi. C’è però chi sta pagando più di altri l’alto prezzo del metano, ossia tutti coloro che per spostarsi e per lavorare utilizzano mezzi alimentati a gas naturale (sia gassoso sia liquefatto).

Da mesi 1.100.000 tra automobilisti e autotrasportatori sono stati messi in ginocchio, nella totale indifferenza da parte del Governo. Per non parlare delle aziende di trasporto pubblico locale, già alle prese con le difficoltà della pandemia e che, al centro di un impegnativo programma di rinnovo delle flotte, hanno scelto il metano per i nuovi mezzi.

Vi chiediamo di unire la vostra voce a quelle di Federmetano, Assogasmetano e Assopetroli-Assoenergia per tutelare utenti e operatori che hanno riposto fiducia nella mobilità a metano, affinché il Governo presti la dovuta attenzione alle istanze che stiamo portando avanti dallo scorso settembre.

Chiediamo al Governo, ancora una volta, ma questa volta insieme a voi, la riduzione dell’IVA dal 22% al 5% anche per il metano uso autotrazione (già accordata agli altri usi di gas civile e industriale) e un credito d’imposta alle aziende di trasporto per gli acquisti di gas naturale.

Chiediamo al Governo di prestare ascolto a 1.100.000 utenti che si muovono a metano, a 20.000 lavoratori che in tale filiera operano e a chi si adopera per assicurare la sostenibilità economica, energetica e ambientale alle future generazioni, utilizzando una fonte rinnovabile come il biometano in grado di assicurare, oltretutto, la crescita dell’occupazione.

L’obiettivo delle nostre richieste, purtroppo fino a oggi completamente ignorate, è solo uno: rispettare la promessa fatta ai nostri utenti - alle nostre famiglie, ai nostri lavoratori, alle nostre persone - continuando a fornire loro un carburante ecocompatibile a un prezzo accessibile.

Di fronte alla mancata risposta delle Istituzioni occorre rafforzare la nostra azione con la voce e l’esasperazione di chi si vede negato il diritto a una mobilità economicamente ed ecologicamente sostenibile.

Chiediamo il vostro sostegno per spronare ad agire chi ha in capo la nostra e vostra tutela.

UNIAMO LE NOSTRE VOCI FIRMANDO QUESTA PETIZIONE.

PETIZIONE CHIUSA

Questa petizione aveva 5.029 sostenitori

Condividi questa petizione