Marina di Pisa: vogliamo un lungomare pedonabile!

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.


Si parla ormai da anni della riqualificazione del lungomare di Marina di Pisa.

Ma niente si muove. Così, anno dopo anno, estate dopo estate, la situazione resta immutata. Cittadini e turisti si ritrovano a vivere o a soggiornare in una cittadina desolata, sporca, semplicemente indecorosa.

In inverno l'abbandono da parte dell'amministrazione comunale sembra quasi totale: pulizia delle strade assolutamente insufficiente, decoro urbano inesistente, manutenzione delle aree verdi, delle strade e delle piazze ridotta al minimo.

In estate la sporcizia si moltiplica, il disinteresse e l'incuria di aiuole, aree verdi, strade, marciapiedi e piazze è talmente evidente che ti fa vergognare di fronte a un turista e non ti rende certo orgoglioso del posto in cui vivi. Il mercato cittadino, con i suoi banchi scomposti e antiestetici, oscura totalmente la splendida vista del mare aperto e lascia le tracce del suo "passaggio" per ore, a volte per giorni, a causa della pulizia sommaria che viene effettuata subito dopo.

Marina potrebbe (e dovrebbe) invece essere un fiore all'occhiello per la città di Pisa. Potrebbe avere quel lungomare riqualificato e pedonabile che si merita e che incrementerebbe il valore della cittadina tutta.

Urge quindi un primo passo in questa direzione, e quel primo passo, fondamentale, è rendere il lungomare esclusivamente pedonabile e ciclabile tutti i giorni dell'anno, senza che traffico o mercato cittadino ne inquinino la bellezza. Ciò porterebbe automaticamente ad una sua riqualificazione e ad un maggior rispetto da parte di tutti per questo tratto di litorale di impareggiabile bellezza.

Perché, si sa, vivere o visitare un posto pulito e valorizzato induce ad averne il massimo rispetto e la massima cura. Da parte di tutti.



Oggi: Irene Guerrieri conta su di te

Irene Guerrieri ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Marina di Pisa: vogliamo un lungomare pedonabile!". Unisciti con Irene Guerrieri ed 144 sostenitori più oggi.