Rivalutazione a standard europei degli stipendi dei docenti delle scuole italiane.

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


Carissimi onorevoli, senatori, ministri, di governo e di opposizione, i docenti italiani delle scuole di ogni ordine e grado vi chiedono di prestare attenzione alle richieste di adeguamento stipendiale che consentano un minimo di dignità e status ad alcune delle professioni più importanti della nostra Nazione.
Questo in conseguenza di più di un decennio di blocco degli adeguamenti salariali che ha eroso quel minimo di potere di acquisto che avevano .
Non è una richiesta avida, è una necessità primaria, molti docenti vivono a migliaia di chilometri di distanza dal luogo di origine (anche a causa di leggi inique ed algoritmi impazziti) costretti a volte a mantenere due case, figli e le necessità quotidiane con uno stipendio basso e rispetto alla media europea umiliante, (specie se trattasi di famiglie monoreddito o persone con divorzi).
È una situazione insostenibile considerando anche il fatto che nessuna agevolazione è prevista per lavoratori fuori sede, nessuno sconto sui biglietti aerei o treni, nessun voucher affitto, nessun buono pasto, nessuno sgravio fiscale, assegni familiari ridicoli, poca attenzione alle politiche sociali per le famiglie e per le donne lavoratrici , nulla di nulla. È arrivato il momento di agire e mettere mano in questo settore. I docenti italiani non possono più aspettare.
Grazie.