Io sto con la maestra

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.


Con questa petizione chiediamo il vostro aiuto per un problema che rischia di compromettere una continuità scolastica ai nostri figli ed alle nostre maestre della scuola primaria di Segusino (e sicuramente di molti altri comuni italiani). 

VISTO

Il DPR del 23 luglio 1998 pubblicato dalla Gazzetta Ufficiale il 9 Settembre stabilisce che i diplomi magistrali conseguiti entro il 2002 conservano in via permanente il valore legale e abilitante all’insegnamento nella scuola, ribadito dalla Circolare MIUR del 18 marzo 2003.
Dal 2014 ben 10 sentenze hanno ristabilito il diritto prima negato ai diplomati (la prima del Consiglio di Stato nr. 1089/2015 II^ sezione). Se tale titolo è abilitante allora questo titolo vale anche per l’inserimento in GAE (Graduatoria ad Esaurimento), per poi accedere al ruolo.
La sentenza della Plenaria del 20 dicembre 2017 non nega il valore abilitante del diploma magistrale ma lo riafferma.
I docenti assunti a tempo indeterminato con riserva, oltre ad aver già abbondantemente maturato i 360 giorni di servizio (che permettevano l’abilitazione nel 2006), hanno sostenuto e superato l’anno di prova previsto dalla Legge 107/15 e superato l’esame con il “comitato per la valutazione dei docenti” sugli elaborati prodotti (1: La relazione del “comitato per la valutazione dei docenti”, 2: la relazione del dirigente scolastico e 3: il relativo decreto di superamento del periodo di prova, “conferma in ruolo”).
Il decreto Dignità 14 luglio 2018.
L’emendamento 6.3 testo 2 del 3 agosto 2018.

Quindi il Consiglio di Stato, con la sentenza del 20 dicembre 2017, fondamentalmente mette alla porta migliaia di docenti con diploma magistrale, sebbene anni di insegnamento e dedizione. 

Nella nostra scuola, questa sentenza, colpisce quattro maestre su 10, così facendo va a precludere il rapporto umano che si instaura tra maestre e bambini, inoltre, a nostro avviso pregiudica la crescita personale in un'età nella quale questo costituisce le fondamenta del loro futuro. 

Chiediamo il Vostro aiuto perché troviamo profondamente ingiusto e privo di logica, che lo Stato Italiano improvvisamente non riconosca la professionalità di queste maestre e che le voglia sostituire con altri docenti, sebbene laureti ma privi di esperienza.

Capiamo che ci sia la necessità di allinearsi alle direttive Europee però troviamo che la retroattività imposta da questa sentenza sia troppo ampia e vada a colpire, come nel nostro caso, maestre con diversi anni di esperienza.

In Veneto il problema sembra ulteriormente aggravato dal fatto che il numero di laureati non è sufficiente a coprire questa manovra e quindi per gli alunni si prospetterebbero anni di discontinuità.

Ringraziandovi fin d'ora per la vostra disponibilità porgiamo

Distinti Saluti

Claudia e Sergio
...



Oggi: Claudia conta su di te

Claudia Pibiri ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Marco Bussetti: Io sto con la maestra". Unisciti con Claudia ed 114 sostenitori più oggi.