Cancellare le multe ai ristoratori di Milano

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.500.


Il 6 maggio c.a. un gruppo di ristoratori e gestori di bar si sono radunati a Milano sotto l'Arco della Pace a MIlano per protestare pacificamente contro il Governo per la mancata riapertura delle loro attività. Molti commercianti si ritroveranno nell'impossibilità di riaprire le loro attività, e ad oggi abbiamo già 5 suicidi. Ho seguito il servizio su una trasmissione e ho visto che i commercianti avevano piazzato delle sedie distanziate tra di loro, e tutti i partecipanti erano muniti di mascherina protettiva e guanti, oltre che erano distanziati tra di loro. All'improvviso si sono visti arrivare la Digos che li ha multati tutti quanti con l'accusa di assembramento. Ciascuno dei partecipanti alla manifestazione hanno preso una multa di 400 euro. Queste persone, oltre a non poter riaprire la propria attività e non aver percepito nessuna sovvenzione, si sono visti assommarsi altri 400 euro oltre tutto ciò che nel frattempo sono stati costretti a pagare come bollette luce e gas, affitti, stipendi dipendenti (la cassa integrazione non è arrivata). Mi rivolgo a lei Ministro, sperando nella sua comprensione, e pregandola di mettersi una mano sulla coscienza e capire che queste persone sono state mosse dalla disperazione. La maggior parte di loro hanno anche figli da mantenere, oltre tutti i debiti. Queste persone hanno manifestato pacificamente fuori dal periodo di lockdown, e i video possono testimoniare che non c'era assembramento. Il 25 aprile a Roma hanno manifestato, e ci sono i video che lo testimoniano. A questo punto dovrebbe giungere alla conclusione che è più grave la posizione dei partecipanti alla manifestazione del 25 aprile, dato che era ancora periodo di lockdown. Non si può reprimere la disperazione delle persone con questi mezzi, così non arriviamo da nessuna parte e non ci risolleveremo più dalla situazione disperata in cui ci troviamo. Queste persone sono lavoratori onesti, che chiedono solo di lavorare. Hanno già predisposto i locali con i parametri richiesti per la protezione da covid-19. Diamo a questi uomini una nuova speranza ma soprattutto dignità! Togliamo queste multe ingiuste e che non siano un ulteriore motivo che spinga qualcuno al limite della sopportazione per un ennesimo gesto estremo!