Priorità alla Scuola: tornare in classe in sicurezza! La DAD non è scuola

Priorità alla Scuola: tornare in classe in sicurezza! La DAD non è scuola

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.500.
Più firme aiuteranno questa petizione a destare l'interesse dei media locali. Aiuta a portare questa petizione a 1.500 firme!
Diritti Degli Studenti ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Patrizio Bianchi (Ministro dell'Istruzione) e a

 #riaprirelescuole #scuolabenepubblico

La scuola non puó essere trattata come se fosse un’optional. I diritti dei giovani vengono calpestati senza nessuna remora da oltre 10 mesi. 

SCUOLA. PRIORITÀ ALLA SCUOLA: IL 7 GENNAIO (e ad OLTRANZA) MOBILITAZIONI DAVANTI A TUTTE LE SCUOLE SUPERIORI, SE NON SARÀ DECISA LA RIAPERTURA. SERVE UNO SCREENING SANITARIO DELLA COMUNITÀ SCOLASTICA
Tornano in piazza giovedì 7 gennaio (e ANDREMO AVANTI ANCHE DOPO) le proteste di studenti, insegnanti e genitori per chiedere la riapertura delle scuole superiori in tutta Italia e la vaccinazione del personale scolastico ad alto rischio

Milano, 4 gennaio 2020 – È passato quasi un anno e la scuola italiana è ancora al palo. Il Governo tentenna e non è ancora in grado di garantire la riapertura delle scuole superiori sul territorio nazionale perché purtroppo preferisce dare la priorità ad altre attività (commerciali, sportive e ludiche).
Da quasi un anno gli istituti scolastici superiori sono chiusi perché il benessere dei ragazzi non è considerato una priorità per il Governo, nemmeno per quello che riguarda il diritto all'istruzione, come previsto dalla Costituzione.
Per questo motivo il movimento costituito da insegnanti, studenti, genitori e personale scolastico, che in questi mesi si è sempre più esteso per chiedere l'apertura delle scuole e la sospensione della Didattica a Distanza, tornerà a protestare davanti alle scuole superiori giovedì 7 gennaio nelle città italiane.
A fronte dell'ennesima sottovalutazione dell'impatto psicofisico che la chiusura delle scuole produce su bambini e ragazzi e della protervia con cui di nuovo si ricorre alla più facile delle soluzioni, ossia la chiusura degli istituti scolastici, il comitato Priorità alla scuola chiede che sia garantito, a partire dal 7 gennaio, in tutte le Regioni, uno screening completo della comunità scolastica (docenti, ATA, studenti) affinché la scuola possa riaprire in sicurezza. Inoltre, si chiede che il personale scolastico ad alto rischio sia considerato prioritario nella fase 1 dell’agenda vaccinale.

E tutti questo viene perpetuato senza alcun dato scientifico, anzi i dati dimostrano il contrario:

https://www.orizzontescuola.it/covid-19-la-scuola-non-e-responsabile-della-seconda-ondata-lo-dice-uno-studio-di-medrxiv/

 

 

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.500.
Più firme aiuteranno questa petizione a destare l'interesse dei media locali. Aiuta a portare questa petizione a 1.500 firme!