PETIZIONE CHIUSA

Maturità 2020: parità di diritti per i Privatisti

Questa petizione aveva 7.910 sostenitori


Alla luce del decreto legge del 06/04/2020 riguardante "misure urgenti per gli esami di stato e la regolare valutazione dell"anno scolastico" gli iscritti all'esame di maturità 2020 come privatisti rischiano, dopo un impegno di studio protratto per mesi, che non é assolutamente da meno rispetto a quello dei frequentanti, di non veder concluso il loro iter scolastico contemporaneamente agli altri iscritti. Qualsiasi posticipo di mesi della sessione d'esame precluderebbe infatti la possibilita di accedere ai concorsi pubblici, richiedenti un diploma superiore, con gravi danni alla carriera  lavorativa futura. Eventuali ritardi di mesi nello svolgimento dell'Esame di Stato comprometterebbero l'accesso ai test d'ingresso ad alcune Facoltá Universitarie e l'iscrizione a molte altre. I candidati privatisti non sono studenti di serie B, ma volenterose persone che per motivi sociali, familiari o di salute non hanno potuto seguire il classico iter di studi. La loro volontá di migliorarsi e di migliorare i propri contesti di vita va incentivata e non ridotta ad una prassi burocratica. Viste inoltre le difficoltà di reperire materiale di studio, di contattare le segreterie didattiche e il fatto di  non poter accedere alla didattica online, si chiede che i test di idoneità non siano effettuati e che sia dato accesso agli esami direttamente, come avviene per tutti gli altri maturandi. Domandiamo a lei che è il Ministro dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca di far si che il suddetto decreto legge venga cambiato in modo da permettere a ciascun cittadino volenteroso di accrescere culturalmente il proprio Paese e non subire tali palesi discriminazioni.



Oggi: Carla conta su di te

Carla Serra ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Lucia Azzolina: Maturità 2020: parità di diritti per i Privatisti". Unisciti con Carla ed 7.909 sostenitori più oggi.