Petition update

Una lettera da Idomeni

Floriana Lipparini
Italy

Apr 28, 2016 — Vi prego, carissime sostenitrici e sostenitori, di leggere questa lettera inviata a Maria della nostra Rete femminista "No muri, no recinti", che lei ci ha trasmesso. Ora Maria è in Grecia e aspettiamo di sapere nuove notizie.
Chi scrive è una delle meravigliose donne greche che pur nella loro difficilissima situazione sono capaci di accogliere, sostenere, assistere, aiutare in tutti i modi. Questa è Europa per noi, la vera Europa, non quella disumana e ipocrita dei muri che continuano a moltiplicarsi. Quindi continuiamo a sensibilizzare il più alto numero di persone possibile, dobbiamo avere tanta forza per resistere al tentativo di riportare indietro la storia verso il razzismo, il nazionalismo e la xenofobia,
Questa è la lettera: "A proposito di Idomeni, Maria, la situazione è senza speranza. La maggior parte dei rifugiati è composta da famiglie con bambini e ci sono molte donne in attesa di partorire. Noi, come spazio "Area solidarietà donne", in collaborazione con altri movimenti di solidarietà, in questa fase offriamo ospitalità nelle case delle donne del nostro gruppo a persone che si trasferiscono a Salonicco per cure mediche o per preparare i documenti per il ricongiungimento con parenti già all'estero. Ho avuto in casa una donna con due gemelli. Il ragazzo, malato, è stato all’ospedale e poi la madre con i due gemelli sono stati accompagnati da noi nuovamente a Idomeni perché la madre desiderava tornare presso la sorella che era rimasta nel campo e si sentiva più sicura. Altre tre donne ospitano famiglie con i bambini e una donna incinta. Il denaro che è stato inviato dalle donne in Italia ci ha aiutato per qualche giorno per l'acquisto di cibo per le famiglie ospitate. Purtroppo, come ben sai Maria, parallelamente noi sosteniamo nel nostro centro madri sole, disoccupate, in una situazione economica di per sé già molto crritica. Ieri nello spazio solidale erano rimasti solo quattro pacchetti di spaghetti. Non avevamo né latte (che è basilare per i bambini), né olio... Per questo motivo questa settimana non siamo andate a Idomeni perché non avevamo più nulla da portare e non avevamo neanche più il denaro per acquistare il carburante.
Con riferimento alla situazione a Idomeni, la maggior parte delle persone non sa cosa fare per ottenere la documentazione e, purtroppo, l'atteggiamento dei responsabili non è chiaro. Ogni giorno cerchiamo di contattare via Skype questi responsabili e nessuno risponde. Ora ci siamo rivolte ad alcuni avvocati solidali e speriamo di essere in grado di fare qualcosa. Molti profughi rischiano di rimanere bloccati qui anche se avrebbero diritto al ricongiungimento famigliare. Così, non so cosa faremo... I profughi dicono "Vi ringraziamo molto e capiamo che anche voi siete in una situazione difficile". Ti mando alcune foto da Idomeni (scattate nelle volte precedenti in cui siamo andate) e dallo Spazio solidale delle donne qui a Salonicco. Baci. Voula"


Keep fighting for people power!

Politicians and rich CEOs shouldn't make all the decisions. Today we ask you to help keep Change.org free and independent. Our job as a public benefit company is to help petitions like this one fight back and get heard. If everyone who saw this chipped in monthly we'd secure Change.org's future today. Help us hold the powerful to account. Can you spare a minute to become a member today?

I'll power Change with $5 monthlyPayment method

Discussion

Please enter a comment.

We were unable to post your comment. Please try again.