Salumi senza nitriti e nitrati nei supermercati

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.


In tutti gli insaccati che noi mangiamo dal prosciutto cotto che diamo con tutta tranquillità ai nostri figli sin da piccoli, ai wrustel, alla carne rossa, alle carne in scatole e anche in alcuni prodotti caseari sono presenti due tra gli additivi più pericolosi: sali di sodio e potassio di nitriti e nitrati, identificati dai codici E249, E250, E251, E252 sono considerati cancerogeni, in particolare la preoccupazione legata al nitrito è che possa contribuire alla formazione di un gruppo di composti noti come nitrosammine, alcune delle quali sono cancerogene. Molti studi lo confermano anche se l'EFSA ha dichiarato che rimanendo nei limiti imposti non si corrono rischi.
Già da ora nei punti vendita biologici sono in commercio insaccati senza additivi, chiaramente hanno un costo maggiore rispetto a quelli che troviamo nei supermercati, ma se cominciamo a non comprare più questi prodotti le industrie potrebbero cominciare a produrre in modo diverso.
Visto il successo che abbiamo avuto con l'olio di palma mi piacerebbe che anche per questi additivi si ottenesse lo stesso risultato, perché produrre senza l'utilizzo di queste sostanza pericolose per la nostra salute si può.



Oggi: Cinzia conta su di te

Cinzia Manco ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Le grosse catene di distribuzione: Salumi senza nitriti e nitrati nei supermercati". Unisciti con Cinzia ed 34 sostenitori più oggi.