La Professione OSTETRICA deve essere RICONOSCIUTA a TUTELA della SALUTE delle DONNE!

La Professione OSTETRICA deve essere RICONOSCIUTA a TUTELA della SALUTE delle DONNE!

0 hanno firmato. Arriviamo a 25.000.
Più firme aiuteranno questa petizione a destare l'interesse dei media nazionali. Aiuta a portare questa petizione a 25.000 firme!
Cristina Ostetrica ha lanciato questa petizione

Da un’attenta analisi del testo del nuovo Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro 2019-2022 si evince che la professione Ostetrica/o è in assoluto la professione a cui è riconosciuta la quota di indennizzo economica inferiore rispetto a tutti i professionisti sanitari e gli operatori tecnici senza formazione accademica e responsabilità professionale.

Questo nuovo contratto non riconosce il ruolo, le competenze e la responsabilità dell’Ostetrica/o attuato nei precedenti contratti nazionali e determina l’ennesimo atto che potrebbe provocare malessere tra ostetriche e aspiranti ostetriche.

Nell'emergenza pandemica l’Ostetrica/o ha prestato assistenza diretta H24 a tutte le donne affette da infezione SarsCov-2 e NON, con ritmi di lavoro e rischi professionali aumentati, in tutte le Unità Operative di specifica competenza ed anche a domicilio.

Si sottolinea che l’Ostetrica/o (Classe di laurea SNT1 Infermieristica e Ostetrica e LM/SNT1) è una professionista che con competenze legittimate e qualificate presta un’assistenza qualificata diretta alla persona con propria autonomia e responsabilità civile penale e amministrativa, promuove la Salute di Genere sessuale e riproduttiva, la Salutogenesi in area materno neonatale e ginecologica, protegge promuove e tutela la salute femminile della diade madre-neonato, è abilitata e formata per fronteggiare le complicanze e le emergenze, comprese le fasi di emergenza / post-emergenza Covid-19, della donna, dei bambini-adolescenti e della famiglia, in “prossimità”, in tutti i setting e livelli di cura e soprattutto in aree a elevata complessità assistenziale (sala parto, sala operatoria ginecologica ed ostetrica, triage ostetrico, elisoccorso, consultorio familiare, Medicina materno fetale, nido, ecc …).

Le donne hanno il diritto di accedere equamente su tutto il territorio nazionale a servizi socio sanitari in cui ricevere una assistenza qualificata ed appropriata dell’Ostetrica/o, sia a livello aziendale che territoriale, finalizzata alla promozione e tutela della salute sessuale, materno neonatale, della genitorialità consapevole e responsabile, per la prevenzione delle patologie oncologiche e sessualmente trasmissibili.

Un paese per definirsi civile deve tutelare e garantire il diritto delle donne e della comunità a ricevere cure primarie ostetriche.

Le evidenze scientifiche e raccomandazioni internazionali affermano che il numero di Ostetriche che operano nel servizio sanitario è direttamente proporzionale agli esiti di salute materno neonatali, al grado di soddisfazione dell’assistenza ostetrica ricevuta, alla riduzione della medicalizzazione non appropriata ed incide sulla riduzione della mortalità materna neonatale.

Investire sulla professione Ostetrica che in modo distintivo risponde, con logiche di appropriatezza e sostenibilità, all’implementazione delle cure ostetrico-ginecologiche e neonatali nel sistema socio-sanitario a favore della popolazione femminile, della salute delle future generazioni e della futura società, significa riconoscere un valore sociale ed economico appropriato alla sua professionalità che non deve essere penalizzata dal ‘basso peso’ di rappresentanza numerica o sindacale.

Si invitano i decisori a porre rimedio alla disuguaglianza di trattamento economico e di valorizzazione delle professioni sanitarie affinché il nuovo contratto sia veramente innovativo, incentrato sulle competenze e finalizzato a premiare il MERITO.

Si esortano le donne a sostenere  il loro  diritto di poter accedere ai servizi dedicati alla loro salute sessuale e riproduttiva, sostenendo la richiesta di un maggior investimento e riconoscimento del ruolo della professione Ostetrica/o.

LE OSTETRICHE DEVONO ESSERE TUTELATE E FACILITATE NELL’ ESERCITARE A PIENO TITOLO LA LORO PROFESSIONE! PER LE DONNE, PER LE MADRI ED I LORO BAMBINI, PER LE FAMIGLIE E LA COMUNITÀ

 

0 hanno firmato. Arriviamo a 25.000.
Più firme aiuteranno questa petizione a destare l'interesse dei media nazionali. Aiuta a portare questa petizione a 25.000 firme!