PETIZIONE CHIUSA

Cambiare scuola è un diritto: chiediamo che il Governo regolamenti i passaggi tra scuole.

Questa petizione aveva 95 sostenitori


Oggi non si può cambiare scuola in corso d'anno ma bisogna aspettare l'anno successivo e superare una prova d'ammissione nella scuola di destinazione. Questo scoraggia i ragazzi che, oltre a perdere un anno, talvolta rinunciano a riscriversi, abbandonando la scuola.

In questi anni si sono realizzati servizi di riorientamento che permettono di individuare una scuola di destinazione. Questa potrebbe accogliere in una settimana di prova il ragazzo. Se lo studente conferma la sua volontà di cambiare, la scuola di destinazione valuta le sue competenze e predispone un programma di inserimento in corso d'anno.

La proposta da inserire nel decreto potrebbe prevedere un percorso come quello sperimentato dal 2009 in provincia di Como:

"il percorso di riorientamento è condotto da un professionista che incontra famiglia e ragazzo, gli insegnati della scuola di provenienza redigono un report e il contatto con la scuola di destinazione definisce le competenze attese. C'è quindi un periodo di valutazione della scuola di destinazione. Una valutazione delle competenze e azioni di adeguamento (corsi e altre modalità)."

Il passaggio va chiaramente regolamentato a tutto vantaggio sia dei ragazzi che delle scuole.

Grazie per l'attenzione e per la collaborazione di ciascun sottoscrittore.



Oggi: MEET Associazione conta su di te

MEET Associazione ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "La Ministra dell'Istruzione può inserire nel decreto sulla valutazione una norma per i passaggi. Cambiare scuola è un diritto, chiediamo che il Governo regolamenti i passaggi tra scuole.". Unisciti con MEET Associazione ed 94 sostenitori più oggi.