La Libia non è un porto sicuro: #ApriteiPorti alla Sea Watch 3 e alla Sea Eye!

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.


#ApriteiPorti
All'alba del 2019 la situazione per le navi delle ONG tedesche Sea Watch 3 e Sea Eye è la seguente:

  • si trovano da 11 giorni in mare aperto senza alcuna autorizzazione ad attraccare né in alcun porto italiano né in altri porti europei. 
  • a bordo ospitano 49 migranti tra cui donne e bambini.
  • tornare in Libia è impensabile: la Libia non è un porto sicuro.
  • hanno appena trascorso il Natale e il Capodanno in condizioni precarie, dovendo affrontare la scarsità di cibo a bordo delle due navi attrezzate solo per un primo soccorso e non per ospitare, per lungo tempo, così tante persone.
  • come se non bastasse, le previsioni meteo non sono confortanti: un'ondata di gelo e di brutto tempo in arrivo non fanno ben sperare.
  • i medici di bordo denunciano necessità di immediato soccorso a terra per i naufraghi.

Qui l'appello di Rob soccorritore della Sea Watch 3 che chiede aiuto.


L'Italia non solo è complice di quanto sta accadendo ma, addirittura, promotrice di questo modo scellerato di far politica: giocare a braccio di ferro con l'Europa sulla pelle di uomini, donne e bambini in stato di necessità è vergognoso e inaccettabile per chiunque si professi umano e per qualsiasi Stato facente parte della Comunità Europea che, va ricordato, nel 2000 proclamava, con la Carta dei Diritti Fondamentali dell'Unione Europea:

Art.19
2. Nessuno può essere allontanato, espulso o estradato verso uno Stato in cui esiste un rischio serio di essere sottoposto alla pena di morte, alla tortura o ad altre pene o trattamenti inumani o degradanti. 

Con questa petizione chiediamo:

  • al Governo Italiano nella persona del Presidente Sergio Mattarella che è garante della sua Costituzione che recita:

    Art.10
    Lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l'effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione italiana, ha diritto d'asilo nel territorio della Repubblica secondo le condizioni stabilite dalla legge.
  • alla Presidenza del Consiglio dei Ministri nella persona di Giuseppe Conte
  • al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti nella persona del Ministro Danilo Toninelli unico organismo competente in materia di chiusura o apertura dei Porti italiani
  • al Comando Generale della Guardia Costiera Italiana nella persona dell'Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino
  • alla Presidenza della Commissione Europea nella persona di Jean-Claude Juncker
  • alla Presidenza del Consiglio Europeo nella persona di Donald Tusk

di aprire i porti permettendo ai migranti e agli operatori a bordo delle navi Sea Watch 3 e Sea Eye di toccare terra in un porto sicuro, rispettando i valori fondanti della Comunità Europea e della Costituzione Italiana.

Fermiamo tutto questo, attiviamoci, facciamo sentire la nostra voce.
#RestiamoUmani
#ApriteiPorti


Vuoi condividere questa petizione?