Giustizia e serenità

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


Il 13 marzo ho ricevuto un voluminoso atto di precetto: ben 68 pagine. In seguito alla causa di lavoro persa con un medico per cui ho lavorato dal 1977 al 2008, costui reclama qualcosa come 15mila euro nel giro di dieci giorni. E' una cifra che non avrò né ora, né mai. E' a rischio seriamente il mio unico bene: il tetto che ho sulla testa, l'alloggio in cui vivo con gli animali che rappresentano la mia famiglia. Non ho stipendio, né pensione.
Lavoravo dal lunedì al venerdì dalle 13,45 alle 20\21 circa.
- Il 30.10.2008 sono stata licenziata dallo studio medico, senza alcun preavviso, con la motivazione di un calo dell’attività lavorativa. Ho impugnato il licenziamento nel novembre 2008, lamentando anche, in quell’occasione, il pesante  mobbing subito per anni, producendo documenti e testimoni. Nata in ambito sindacale, la vertenza doveva essere vinta o mediata.
All’udienza del 20.1.2010, il giudice Salerno mi ha riconosciuto la qualifica superiore di terza cat. Super A, e ha deciso di ascoltare i testimoni sulle ore in più in cui lavoravo. Dopo molti rinvii, i testimoni sono stati finalmente convocati e ascoltati il 12.5.2011, dal nuovo giudice del lavoro Dr. Baldi, che ammise la tesi del mobbing. Purtroppo, nel giugno 2011, il Dr. Baldi è stato trasferito alla Corte dei Conti a Milano, e al suo posto è subentrato un collega, che all’udienza del 28.10.2011,  senza ascoltare i testimoni restanti (ce n'erano altri quattro) ha respinto tutte le mie richieste e mi ha anche condannato per lite temeraria al pagamento delle spese. 
Era l'inizio di una disavventura che sarebbe lungo narrare.
 Posso produrre abbondante documentazione. No a proposte di prestiti che non potrei restituire, o a esortazioni al perdono che per ora cadrebbero nel vuoto. Sì alla revocazione di una sentenza originale

 

 

 

 



Oggi: Edi conta su di te

Edi Morini ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "La corte di cassazione a Roma e il tribunale di Strasburgo: Giustizia e serenità". Unisciti con Edi ed 515 sostenitori più oggi.